25 C
Roma
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo

HomeCultura e spettacoliRadio, il salotto di Serena: serate per combattere il distanziamento

Radio, il salotto di Serena: serate per combattere il distanziamento

“Obiettivo comune”, il talk show del mercoledì sera di Serena Gray su Radio Centro Musica, si conferma tra i programmi più seguiti del momento. Nato per parlare insieme agli operatori economici delle difficoltà causate della pandemia, sta coinvolgendo gli ascoltatori, in casa per le restrizioni agli spostamenti, e stimolando la voglia di ripartire

- Pubblicità -

C’è attesa per il prossimo appuntamento, mercoledì dalle 21 a mezzanotte, di “Obiettivo comune”, il talk show radiofonico ideato e condotto da Serena Gray che, dati di ascolto alla mano, si sta rivelando la novità della stagione. Nato come opportunità per parlare insieme agli operatori economici delle difficoltà incontrate a causa della pandemia, il salotto radiofonico è diventato uno strumento per coinvolgere gli ascoltatori, quando la sera si è in casa per le restrizioni agli spostamenti, e stimolare la voglia di ripartire.

Gli animali e i benefici della loro presenza accanto a noi sarà il tema che verrà affrontato mercoledì. Sarà un’occasione per far confrontare gli ospiti in studio con gli ascoltatori su un aspetto di cui poco si è parlato in questo anno passato tra lockdown e restrizioni: come gli animali domestici soffrono anche loro il distanziamento e le difficoltà a cui devono sottostare i loro padroni e il contributo di affetto e compagnia che i nostri amici pelosi o piumati possono darci. Un contributo ancor più prezioso del solito in questo periodo di isolamento e di distanziamento personale.

A fare compagnia alle nostre serate forzatamente casalinghe a causa del coprifuoco sanitario, esperti e ospiti coordinati in studio da Serena Gray, pronti a dialogare con gli ascoltatori. Punto di incontro, la web radio Radio Centro Musica raggiungibile all’indirizzo www.radiocentromusica.it, dove ogni mercoledì dalle 21 alle 24 c’è serena Gray ad accogliere gli ascoltatori nel suo salotto, idea originale di cui Metropoli.online ha già avuto modo di parlare (leggi: Una radio per amica. E per dare voce ai talenti nascosti).

- Pubblicità -

Ascoltatori che hanno dimostrato di gradire l’invito al salotto radiofonico, come nelle puntate precedenti, anche in occasione dell’appuntamento di mercoledì scorso, dedicato al tema “Bellezza naturale o chirurgia estrema?”. Insieme agli ospiti fissi del salotto, la coach di bellezza Barbara Rapisardi e il presidente della APS 7 note e direttore artistico di Officina canto, Gianni Giacomini, di fronte ai microfoni di Serena Gray sono intervenuti il dottor Clemente Zorzetto, chirurgo plastico e chirurgo estetico, lo psicologo Fabrizio Paris e gli ospiti in collegamento: da Firenze la hair stylist Titti Buttiglione, titolare del salone e del marchio I Love Blonde, e Costanza Restelli, titolare di Swipe Up creazioni moda; da Miami Marco Casula, ideatore del progetto Miami Fashion Oscar, premio dedicato ai giovani stilisti emergenti, insieme al suo agente per l’Italia Fabrizio Ducci.

L’influenza che i social ed i media hanno sulla percezione del modello di bellezza da parte delle persone è stato il filo conduttore del confronto fra gli ospiti, che hanno parlato tra l’altro dei modelli di bellezza ai quali le persone vengono spinte ad assomigliare. Un confronto che ha visto anche un “gemellaggio” con Emanuele Pilloni, ideatore del programma “I quattro chiacchieroni”, diffuso su Instagram.

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -

Primo Piano