11 C
Roma
mercoledì 24 Aprile 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeEconomiaTransizione energetica, dibattito a Trevi nel nome di Enrico Mattei

Transizione energetica, dibattito a Trevi nel nome di Enrico Mattei

Nardini (Agci): «Rimettere al centro la persona. Di questi valori era pioniere Mattei in un’epoca dilaniata da interessi feroci e predatori»

- Pubblicità -

Quella dell’1 e del 2 marzo 2024 sarà una due giorni di grande importanza internazionale non solo per Trevi, ma per l’Italia. La cittadina umbra in provincia di Perugia ospiterà infatti il convegno “La cooperazione internazionale strumento di sviluppo”, organizzato dalla Fondazione “Sed – Social economic development Enrico Mattei”, dal Comune di Trevi e sponsorizzato anche da Agci, l’associazione generale cooperative italiane. All’evento saranno presenti ministri del governo Meloni, ambasciatori di varie nazioni, rappresentanti istituzionali della Regione Umbria ed imprenditori del panorama internazionale.

Eugenio Fusignani, presidente di Agci Culturalia, che sarà presente e interverrà alla tavola rotonda, dice: «I benefici della transizione energetica e della rivoluzione green non sono solo ambientali, ma impattano in modo positivo anche sull’economia e sul benessere della comunità, prevedendo la crescita dell’occupazione, dello sviluppo sociale e sostenibile. La transizione energetica ha dei tempi lunghi. Avverrà in buona parte attraverso il passaggio a un sistema energetico basato sulle fonti rinnovabili, come fotovoltaico, eolico e idroelettrico, diminuendo così drasticamente i consumi di carbonio, gas e petrolio. Possiamo considerarla, dunque, un punto di arrivo di un lungo percorso nel quale non possiamo rinunciare ai combustibili fossili tradizionali e quindi dobbiamo prevederne l’estrazione, come lo stesso Enrico Mattei aveva già intuito negli anni ’50».

«Io vengo da Ravenna – prosegue – che è una delle capitali mondiali dell’energia, dove ogni due anni si tiene l’Omc: Med energy conference. La città è diventata, ormai da decenni, hub internazionale privilegiato del dibattito sull’energia: lo è per noi e per tutta l’industria coinvolta. L’Omc ha l’ambizione di diventare un punto di riferimento per i Paesi del Mediterraneo, che è il vero ponte tra Nord e Sud del mondo, puntando ad essere, sempre più, un vero e proprio laboratorio per la creazione di nuovi e innovativi business che guardino alla transizione energetica, assicurando sicurezza energetica, competitività e sostenibilità. Non fu un caso che nel 1954 Enrico Mattei propose di creare a Ravenna il petrolchimico Anic e, prima che il governo non rinnovasse le concessioni nel settore energetico, a Ravenna erano impiegati ben 10mila lavoratori: con i tagli all’estrazione e con le nuove impostazioni, ne son rimasti meno di 4mila».

- Pubblicità -

«La cooperazione – conclude – gioca un ruolo importante non solo in ambito di produzione e lavoro, ma anche in quello culturale, perché la transizione energetica implicherà inesorabilmente nuovi processi culturali tirando in ballo tutte le strutture cooperative di carattere culturale che possono fornire un supporto tanto alla scuola, all’università, quanto al mondo dell’impresa che sarà fondamentale per la ricerca e l’attuazione di una vera e propria innovazione sociale, economica e culturale».

Aggiunge il presidente di Agci Umbria, Gabriele Nardini: «Quello di Trevi è un appuntamento di grande rilevanza per noi cooperatori, perché il concetto di cooperazione internazionale si rifà ai valori ed alle istanze che hanno avuto origine con l’inizio del movimento cooperativo sin dalla seconda metà dell’800, in cui parole come mutualità, sussidiarietà, condivisione, inclusività e solidarietà sono state il cardine di un nuovo ideale di sviluppo economico, sociale e della persona umana, che si è sin da subito posto come alternativa al modello speculativo e lucrativo imperante, che ha provocato i disastri che sono ormai da decenni sotto gli occhi di tutti. Rimettere al centro la persona e lo schema cooperativistico come denominatore comune dei futuri processi di collaborazione internazionale, permetterà di onorare al meglio la memoria di Enrico Mattei, che di questi valori si è fatto pioniere e portatore in un’epoca dilaniata da interessi feroci e predatori».

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Metropoli.Online - Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!