23.5 C
Roma
domenica 19 Maggio 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeAmbienteMaltempo: Coldiretti Lazio, «Danni irreparabili a coltivazioni e frutteti»

Maltempo: Coldiretti Lazio, «Danni irreparabili a coltivazioni e frutteti»

«I danni causati dai cambiamenti climatici superano i 250 milioni di euro l’anno». Colpiti in particolare Latina, Viterbo e i Castelli Romani

- Pubblicità -

Ingenti i danni causati dal maltempo dei giorni scorsi in tutto il Lazio con violenti temporali e trombe d’aria, accompagnati dalla grandine che ha distrutto frutta, soprattutto fragole, albicocche, pere, pesche e mandorle, ma anche ortaggi: dalle zucchine ai carciofi fino agli asparagi e alle fave, che rischiano di mancare per l’appuntamento del primo maggio. Tra le zone più colpite Latina, Viterbo e i Castelli Romani, in modo particolare Velletri. 

«I forti temporali con precipitazioni violente – spiega il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri -, soprattutto se accompagnati da grandine, hanno provocato danni irreparabili alle coltivazioni e ai frutteti. I nostri produttori sono stati costretti a sostituire migliaia di giovani piante. I raccolti sono sempre più esposti alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Solo nel Lazio i danni causati proprio dai cambiamenti climatici superano i 250 milioni di euro all’anno».

Numerose le segnalazioni arrivate soprattutto da Fondi e Terracina, in particolare dalle località Barchi e Monte San Biagio. Tra le colture più colpite ortaggi a campo aperto, fragole favetta, ma anche frutteti, vigneti ed oliveti. I responsabili della federazione provinciale di Latina di Coldiretti hanno subito contattato gli uffici dell’area decentrata della Regione Lazio per chiedere la valutazione dei danni subiti dagli agricoltori e valutare lo stato di calamità, così come per le altre zone del Lazio che sono state colpite. 

- Pubblicità -

Nella zona dei Castelli Romani e soprattutto a Velletri sono stati danneggiati oltre 200 ettari di terreno, in particolare nelle località Le Castella, Cinque Archi e Colle San Clemente, dove sono stati colpiti vigneti e frutteti. Coldiretti Roma ha chiesto al Comune di Velletri di attivarsi per la mappatura delle aree colpite e la richiesta dello stato di calamità.

Preoccupante la situazione anche nella Tuscia, dove ad essere maggiormente colpiti dai danni causati dalla violenta gradinata e dal maltempo, sono state le aree comprese tra i comuni di Tarquinia, Montalto di Castro e la frazione di Pescia Romana. Distrutti asparagi, carciofi e mandorle. 

Non solo: danni sono stati causati anche da frane e smottamenti, poiché i terreni secchi non riescono ad assorbire l’acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento. «Un taglio della produzione agricola preoccupante – prosegue Granieri – dopo il brusco abbassamento delle temperature notturne. Una situazione che rischia di far salire il conto dei danni anche nel 2023 dopo che lo scorso anno per effetto del clima anomalo è andato perduto il 10% della produzione. Il maltempo si abbatte su un territorio fragile per la siccità con aziende agricole in sofferenza dopo un inverno che dal punto di vista climatologico ha fatto segnare una temperatura superiore di 1,21 gradi alla media storica, ma l’anomalia è addirittura di 1,38 gradi in più».

L’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi, che compromettono le coltivazioni nei campi, con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Gregorio da Catino” di Poggio Mirteto. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!