26.7 C
Roma
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeAttualità“Minicondono”: entro il 31 i Comuni devono decidere se cancellare le multe

“Minicondono”: entro il 31 i Comuni devono decidere se cancellare le multe

Cartelle sotto mille euro: scade a fine mese il termine per non aderire allo stralcio di interessi e sanzioni ai cittadini deciso dal governo

- Pubblicità -

I Comuni d’Italia hanno tempo fino al prossimo 31 gennaio per decidere se stralciare o meno ai propri concittadini tutte le multe con un valore inferiore ai mille euro. Queste sanzioni devono essere state affidate alla riscossione nel periodo tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2015. È quanto riportato nella Legge di Bilancio 2023, che prevede appunto lo stralcio dei debiti fino a mille euro automatico e senza bisogno di presentare alcuna domanda, affidati all’agente di riscossione nel periodo sopra indicato.

Nell’importo di mille euro devono essere compresi, oltre al debito, anche le sanzioni e gli interessi. Questa la regola generale che vale per i debiti che il contribuente ha nei confronti delle amministrazioni centrali. La storia cambia, invece, per i debiti contratti con le amministrazioni locali, per cui sono previste regole diverse.

Per i debiti nei confronti dei Comuni per Imu, Tari e altri tributi locali lo stralcio si applica solo ad interessi e sanzioni, ma non al debito dell’omesso versamento dell’imposta. Per le multe per violazione del Codice della strada, sempre di competenza dei Comuni, lo stralcio riguarda solo la quota di interessi. Non tutti i contribuenti, forse, se le vedranno cancellate. Tutto dipenderà da ogni singolo Comune.

- Pubblicità -

Ricordiamo che le multe e le vecchie cartelle esattoriali vanno a confluire solitamente tra i residui attivi nei conti dei Comuni e spesso aiutano le amministrazioni a far quadrare i bilanci, anche se poi solo una piccola parte dei crediti vetusti vengono effettivamente riscossi. Il governo Meloni quindi ha concesso ai sindaci la possibilità di non applicare l’annullamento “parziale” adottando, entro fine mese, uno specifico provvedimento.

Il cosiddetto “minicondono” sarà dunque applicato automaticamente su tutti i Comuni del territorio nazionale, qualora i sindaci non comunichino entro il 31 gennaio 2023 all’Agenzia delle Entrate la loro decisione di non aderire.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Gregorio da Catino” di Poggio Mirteto. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!