10.3 C
Roma
mercoledì 7 Dicembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneViterbo, strutture sanitarie ed Enti locali fanno rete contro la violenza

Viterbo, strutture sanitarie ed Enti locali fanno rete contro la violenza

#LOTTOcontrolaviolenza è la campagna di sensibilizzazione che vedrà impegnati per un mese 126 partner su tutto il territorio nazionale

- Pubblicità -

Federsanità nazionale, Asl di Viterbo e l’associazione Juppiter sono i promotori della campagna di sensibilizzazione e di promozione della salute #LOTTOcontrolaviolenza, contro ogni forma di violenza, che da oggi e fino all’8 aprile vedrà impegnati 126 partner dislocati su tutto il territorio nazionale. La campagna, che ha ottenuto anche il patrocinio dell’Anci, l’Associazione nazionale Comuni italiani, è incentrata su alcuni messaggi chiave.

Questi messaggi sono la lotta a ogni forma di violenza, che deve essere riaffermata ogni giorno; l’impegno per la costruzione di un modello culturale basato sul rispetto e sulla comprensione dell’altro; contrapporre alla paura e all’indifferenza il “fare sistema”. Su questi temi si articola l’impegno della campagna promossa, insiem agli altri partner, da Federsanità, la confederazione che associa le Aziende sanitarie locali, quelle ospedaliere e gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) insieme ai rappresentanti dei Comuni associati alle Anci regionali di riferimento.

«L’Organizzazione mondiale della sanità – spiega la direttrice generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti – ha dichiarato la violenza come uno dei maggiori problemi di salute pubblica. La campagna si pone l’obiettivo di favorire un piano di intenti e di azioni concrete che veda agire in rete, in azioni collettive, diversi soggetti, con la messa in campo di tutte le risorse, le energie, le professionalità, le competenze disponibili per dare piena realizzazione alle 8 raccomandazioni contenute nel rapporto dell’Oms».

- Pubblicità -

«La violenza, in ogni sua forma – dice Tiziana Frittelli, presidente di Federsanità -, è un atto meschino innescato da logiche di disuguaglianza sociale. Sono azioni ignobili che in alcuni casi passano inosservate o minimizzate. La violenza può assumere diverse facce. Può manifestarsi con una minaccia, un atto di stalking, uno schiaffo, un calcio o un pugno. Oltrepassa ogni limite, può togliere la vita. Mai come in questo periodo, occorre disseminare prevenzione, investire in comunicazione per ripristinare un clima di fiducia e di rispetto verso l’altro, che nel tempo si è andato perdendo, facendo rete e mettendo a sistema iniziative, progetti e azioni, anche partendo dalle nostre strutture sanitarie e da chi vi opera, troppo spesso vittima di atti di intollerabile violenza che si deve condannare a gran voce».

Il piano di comunicazione prevede l’utilizzo del web e dei social, con la pubblicazione di post da rilanciare attraverso l’hashtag #LOTTOcontrolaviolenza da parte di tutti i soggetti che hanno manifestato l’intenzione di partecipare all’iniziativa (istituzioni, enti pubblici, enti privati, associazioni di volontariato, terzo settore, organizzazioni sindacali, società scientifiche, istituti scolastici, ordinià), con la possibilità di aggiungere dei personali contributi a sostegno della campagna e del messaggio a questa collegato.

Moltissimi partner, oltre all’impegno della diffusione dei contenuti editoriali e multimediali, parteciperanno alla campagna con iniziative pubbliche o mediatiche che verranno realizzate dall’8 marzo all’8 aprile 2022. Ares 118, per portare un esempio concreto delle numerose attività che si svilupperanno nei 30 giorni della campagna, ospiterà il messaggio #LOTTOcontrolaviolenza in tutte le ambulanze presenti nella regione Lazio, come si può vedere nella foto a corredo di questo articolo.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Metropoli.Online - Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli