11.4 C
Roma
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCalcioRignano Flaminio si veste d'azzurro

Rignano Flaminio si veste d’azzurro

La mostra itinerante “Un secolo d'azzurro” fa tappa alle porte di Roma: oltre 500 cimeli dal 1870 al 2021 raccontano la storia della Nazionale

- Pubblicità -

Fino all’8 ottobre nel teatro Paladini di Rignano Flaminio sarà possibile visitare la mostra “Un secolo d’azzurro”. Nella cittadina in provincia di Roma fa tappa in questi giorni la mostra itinerante (in internet: https://unsecolodazzurro.it/) che è la più grande esposizione d’Italia sulla storia della nostra Nazionale di calcio e la collezione italiana più importante (forse europea) sulla nascita e lo sviluppo dei Mondiali e degli Europei.

In particolare, “Un secolo d’azzurro”, curata dal dottor Mauro Grimaldi, consigliere delegato di Federcalcio servizi, promossa dalla Associazione S. Anna e patrocinata da Anci, Figc, Aia, Aiac, Lega Pro, Lega Nazionale Dilettanti, Museo del calcio di Coverciano, Comitato Paralimpico e Confassociazioni, con oltre 500 cimeli originali dal 1870 al 2021, risulta essere la più grande rassegna storica ed antologica sulla Nazionale italiana di calcio, dalla sua origine nel 1898 ad oggi.

Dal materiale cartaceo, ai documenti ufficiali fino alle magliette, i palloni, gli scarpini e tutti i gadget e memorabilia, compresi i giochi per i bambini. Meazza, Rivera, Paolo Rossi, Totti, Baggio, Maldini, Buffon fino ad arrivare a Donnarumma, Verratti, Chiellini e Zaniolo: sono solo alcuni dei campioni presenti nell’esposizione con i loro cimeli più belli.

- Pubblicità -

Come non emozionarsi davanti alle due camicie da smoking con cui scese in campo la nostra Nazionale nell’esordio del 1910? Oppure ammirando l’evoluzione dei palloni e degli scarpini da fine Ottocento ad oggi? Un percorso storico che unisce tutte le generazioni: dal nonno al nipotino.

L’esposizione si è arricchita con l'”Angolo delle Coppe” donate dalla Figc, la Federazione italiana giuoco calcio, e un esclusivo spazio dedicato ai Campioni del 1982. L’ingresso, gratuito, è consentito tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 20. Un’occasione da non perdere.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Margherita Hack” di Morlupo. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli