25 C
Roma
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo

HomeCronache MetropolitaneQuando la natura si trasforma in arte: a Lecce in mostra le...

Quando la natura si trasforma in arte: a Lecce in mostra le sculture di Sava

La natura rappresentata nelle opere è il simbolo dell’attaccamento per la sua terra salentina che permea il percorso artistico dello scultore

- Pubblicità -

Una trentina di opere rimaste finora inedite, che risalgono al periodo che va dagli anni Novanta a oggi, che rendono evidenti le tecniche originali utilizzate dall’artista. Sono esposte a Lecce, dove fino al 25 settembre la Fondazione Biscozzi-Rimbaud dedica una mostra a Salvatore Sava, scultore salentino ritenuto uno dei migliori talenti italiani della propria generazione.

Sava, classe 1966, è noto al pubblico per la sua particolare tecnica. L’artista, infatti, fa abbondante ricorso al ferro, alla pietra leccese, all’acciaio e anche ai colori fluorescenti per dare corpo alle sue sculture. E non mancano materiali della più diversa natura a rendere originale il suo percorso creativo.

La mostra leccese, curata da Paolo Bolpagni, ne espone degli esempi, come i cicli dei “neri” polimaterici, i lavori in legno, in resina, in fibra di vetro e smalto, i collage metallici su cartone. Opere nelle quali trova espressione soprattutto la natura, simbolo dell’attaccamento per la sua terra salentina che permea il percorso artistico dello scultore.

- Pubblicità -

La Fondazione Biscozzi-Rimbaud ospita nella sua sede, in piazzetta Baglivi in un palazzetto storico ristrutturato nel rispetto dell’architettura locale, anche una esposizione permanente di grandi artisti italiani e internazionali del Novecento. Fra le opere esposte in permanenza, anche due dello stesso Salvatore Sava: “Sentieri interrotti” del 1998 e “Rosa selvatica” del 1999. La personale di Sava è la seconda, dopo quella inaugurale su Angelo Savelli.

La Fondazione ha aperto i battenti a Lecce nel marzo dello scorso anno per opera di Dominique Rimbaud, attuale presidente, in memoria del marito Luigi Biscozzi, scomparso nel settembre del 2018: una coppia di collezionisti attivamente impegnati nelle promozione dell’arte in terra salentina.

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -

Primo Piano