5.6 C
Roma
sabato 28 Gennaio 2023
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneUn murale per guardare all'anno nuovo non dimenticando il passato

Un murale per guardare all’anno nuovo non dimenticando il passato

A Ponzano Romano l'opera dell'artista siciliano Ligama: Giano bifronte, dio degli inizi e padre di una figura mitologica della zona, Tiberino

- Pubblicità -

È stato completato il bellissimo murale di Giano bifronte a Ponzano Romano. L’opera è stata realizzata da Ligama, uno dei più noti protagonisti della street art a livello internazionale. Giano bifronte, ricordiamo, è il dio degli inizi, materiali e immateriali, ed è una delle divinità più antiche e più importanti della religione romana, latina e italica. Solitamente è raffigurato con due volti (il cosiddetto Giano bifronte), poiché il dio può guardare il futuro e il passato, indicando dunque la sua capacità di guardare ovunque e di proteggere nei momenti di passaggio.

La sua collocazione all’ingresso del borgo di Ponzano Romano è densa di significati e riferimenti con il territorio. Nel mito, Giano era infatti considerato il protettore di ogni ingresso e ogni inizio ed era ritenuto il padre del dio del Tevere, Tiberino. Ed è dal suo nome che deriva quello di gennaio, il mese che segna l’inizio del nuovo anno.

È il secondo murale realizzato da Ligama a Ponzano Romano. Il primo raffigura San Sebastiano, uno dei santi più venerati dalla comunità.

- Pubblicità -

Lo street artist Ligama, al secolo Salvo Ligama, classe 1986, è nato a Caltagirone e ha studiato a Catania, dove è iniziata la sua carriera artistica. Ligama è un pittore murale di grande talento. Studente brillante dell’Accademia di Belle Arti, è diventato presto assistente alla cattedra di Incisione, che lascia nel 2015 per dedicarsi esclusivamente alla pittura dopo avere ottenuto diversi riconoscimenti e premi.

La sua pittura si sviluppa in studio e nello spazio. Le sue opere si trovano ovviamente in Sicilia, ma anche in altre parti d’Italia e perfino in Russia.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Margherita Hack” di Morlupo. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli