17.5 C
Roma
domenica 26 Marzo 2023
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeAttualitàMeteo: marzo ancora preda del freddo; i primi caldi ad aprile

Meteo: marzo ancora preda del freddo; i primi caldi ad aprile

Preoccupazioni per possibili alluvioni nei Balcani e anche in Italia, dove l'umidità potrebbe portare un aumento del maltempo e del vento

- Pubblicità -

L’Italia vivrà una settimana di transizione tra lunedì 20 e domenica 26 marzo: la situazione sarà molto monotona, stazionaria, con temperature poco superiori rispetto alle medie del periodo, ampie schiarite ma anche annuvolamenti sparsi, pochissime precipitazioni degne di nota se non qualche debole piovasco sparso a macchia di leopardo e di breve durata tra gli annuvolamenti che si alterneranno alle schiarite. A medio/lungo termine, però, la situazione cambierà nuovamente.

Tutti i modelli prospettano infatti una nuova svolta meteo per la fine del mese di marzo, da lunedì 27/martedì 28 marzo in poi, con il ritorno del maltempo che si potrebbe rivelare particolarmente intenso, e non solo ma anche il freddo invernale con un ulteriore colpo di coda della stagione invernale che dovrebbe determinare abbondanti nevicate fino a quote medio/basse.

Sebbene la primavera sia generalmente associata a un balzo verso giornate più calde, marzo può ancora portare periodi di tempo invernale, inclusi eventi nevosi di grande impatto. Con l’equinozio di primavera che scoccherà tra 2 giorni, lunedì 20 marzo, il team di esperti di previsioni internazionali di AccuWeather, autorevole centro meteorologico statunitense, ha rilasciato le previsioni meteo stagionali per la primavera in Europa.

- Pubblicità -

Il 9 marzo, il Climate Prediction Center della Noaa ha dichiarato ufficialmente che la fase El Niño-Southern Oscillation è passata da La Niña a neutrale, il che significa che né El Niño né La Niña sono in corso. Si prevede che questa fase neutra persista dalla fine della primavera all’inizio dell’estate e svolga un ruolo nell’influenzare i modelli meteorologici globali, passando a El Niño durante i mesi estivi, sottolineano gli esperti di AccuWeather.

I meteorologi statunitensi hanno tenuto conto anche di questo fattore durante lo sviluppo delle previsioni meteo per la primavera in Europa e affermano che i pattern meteorologici prevalenti sul continente dalla fine di marzo all’inizio di giugno saranno caratterizzati all’inizio da aria fredda residua in tutta l’Europa settentrionale, condizioni miti nelle regioni orientali, una dominante traiettoria delle tempeste sul Sud a volte e un inizio anticipato di maltempo per alcuni punti.

È probabile che parti del Regno Unito, della Scandinavia e della regione alpina finiscano il mese di marzo con accumuli di neve insolitamente più alti, mentre molte altre parti del continente tenderanno quasi al di sotto della media storica, sostengono i meteorologi di AccuWeather.

Evento di riscaldamento stratosferico improvviso

Un fenomeno meteorologico chiamato evento di riscaldamento stratosferico improvviso ha svolto un ruolo importante nel forzare le condizioni di freddo in gran parte del Nord Europa durante la prima metà di marzo, ricordano gli esperti di AccuWeather. Questo evento è innescato da un’alterazione nei livelli superiori dell’atmosfera terrestre, dove si trova il vortice polare.

Il vortice polare è una fascia di venti occidentali freddi e forti che circolano intorno alle regioni polari della Terra. A volte, le bande possono indebolirsi temporaneamente, con il risultato che l’aria fredda precedentemente contenuta dal vortice scende molto rapidamente dalla stratosfera alla superficie. Quando si verifica l’alterazione, tuttavia, provoca un rapido aumento dei livelli di temperatura stratosferica, da cui l’omonimo fenomeno.

A causa di un evento di riscaldamento stratosferico improvviso, Londra è stata imbiancata dalla neve durante la seconda settimana di marzo, mentre pesanti accumuli di neve sono stati osservati nelle Midlands, nel Galles e in parte della Scozia. Tuttavia, le condizioni fredde che si sono sviluppate in tutta l’Europa settentrionale all’inizio di marzo passeranno a un clima più mite e tranquillo all’inizio della primavera.

Eventuale scaldata di aprile nel Regno Unito e in Irlanda

Si prevede che le temperature in tutto il Regno Unito si avvicineranno alla media storica fino alla fine di aprile, ma i meteorologi di AccuWeather affermano che questa transizione potrebbe non avvenire come un aumento graduale verso giorni più caldi. «Il Regno Unito e l’Irlanda potrebbero presentare una montagna russa per quanto riguarda le temperature fino alla fine di aprile, ma potrebbero finire per equilibrarsi vicino alla media storica mensile», ha spiegato Tyler Roys, meteorologo di AccuWeather.

Le temperature potrebbero tendere al di sopra della media storica per un periodo di tempo in Inghilterra, Galles, Irlanda del Nord e parti della Scozia; tuttavia, le onde di passaggi frontali possono interrompere la tendenza al riscaldamento primaverile e far scendere le condizioni leggermente al di sotto della media per un certo periodo. Questo andamento turbolento della temperatura potrebbe uniformare la tendenza mensile vicino alla media storica di aprile nel complesso.

Il rischio di gelate dovrebbe persistere fino a metà aprile in alcune parti del Regno Unito, estendendosi fino alle Midlands. Le probabilità di nevicate in primavera saranno probabilmente isolate alle quote più alte in Scozia, Inghilterra e Galles, mentre le pianure dovranno affrontare una minore minaccia di rovesci invernali in primavera quando le temperature inizieranno a moderarsi. Nel complesso, i valori delle precipitazioni in tutto il Regno Unito potrebbero tendere vicino o a leggermente al di sopra della media storica nei mesi di aprile e maggio. In un anno tipico, i mesi più asciutti per Londra includono il periodo da febbraio a maggio, quando i valori medi per ogni mese variano spesso tra 33 e 38mm in città.

In un anno tipico, si considera che la stagione delle tempeste di vento nel Regno Unito duri da ottobre fino alla fine di marzo. Finora, per la stagione 2022-2023, il Met Office del Regno Unito ha nominato una tempesta di vento a metà febbraio, Storm Otto. Entro la metà di marzo della precedente stagione 2021-2022, il Met Office del Regno Unito aveva già nominato sei tempeste di vento, il che indica che la stagione delle tempeste di vento 2022-2023 si concluderà probabilmente come molto meno attiva rispetto allo scorso anno.

Europa meridionale, pericolo alluvioni in Italia e nei Balcani

La principale traiettoria delle tempeste sull’Europa meridionale a marzo potrebbe portare problemi per i livelli dell’acqua e la siccità nel Regno Unito, in Irlanda e persino in alcune parti della Francia. Già quest’anno, molte regioni hanno osservato condizioni anomale di siccità. C’è stata una notevole mancanza di pioggia in tutto il Regno Unito a febbraio. Le osservazioni provvisorie del Met Office del Regno Unito hanno indicato che l’Inghilterra ha osservato il febbraio più secco degli ultimi 30 anni. Londra ha registrato solo l’8% delle precipitazioni tipiche a febbraio, mentre le osservazioni da Birmingham, in Inghilterra, hanno totalizzato solo il 16% della media storica delle precipitazioni di febbraio.

Secondo Météo France, dal 20 gennaio 2023 al 21 febbraio 2023 è stato osservato un periodo di 32 giorni consecutivi senza precipitazioni misurabili (meno di 1mm di pioggia al giorno). Questo stabilisce un nuovo record per il più lungo periodo di giorni consecutivi senza precipitazioni misurabili dal 1959. Un altro periodo degno di nota è stato nel 2020 dal 17 marzo al 16 aprile, quando sono stati registrati 31 giorni consecutivi senza precipitazioni misurabili.

D’altra parte, la traiettoria delle tempeste dominante sull’Europa sudoccidentale e un previsto aumento delle precipitazioni primaverili nelle regioni meridionali e centro-meridionali stanno sollevando preoccupazioni tra i meteorologi per una minaccia di alluvioni in località come l’Italia e i Balcani. «Dato quanto è caldo il Mediterraneo, le tempeste potrebbero fornire ulteriore umidità e portare a un aumento delle minacce di alluvioni. Ciò è una preoccupazione soprattutto per le pendici occidentali dell’Appennino e delle Alpi Dinariche», ha spiegato Roys.

Gli acquazzoni e le precipitazioni primaverili possono essere accolti favorevolmente in tutta la regione alpina per aiutare a ricostituire i bacini idrici e i livelli dei fiumi risultanti da precipitazioni invernali inferiori alla media. I meteorologi affermano che il manto nevoso nella maggior parte delle Alpi svizzere, austriache e italiane è inferiore del 60-70% rispetto alla quantità tipica di inizio marzo. La mancanza di neve sulle Alpi italiane giocherà un ruolo significativo nell’adeguare i livelli dei fiumi e la portata a valle in questa primavera.

In Italia, un afflusso di umidità durante la prima metà della primavera potrebbe anche portare a un aumento del pericolo di maltempo, che potrebbe introdurre diverse minacce come venti distruttivi, grandine e alluvioni lampo. Tuttavia, l’umidità dell’inizio della primavera può rivelarsi vantaggiosa solo per la siccità a breve termine in corso in tutta la regione.

Con l’aumentare del caldo, aumenterà anche il rischio di maltempo

Man mano che gli impatti dell’evento di riscaldamento stratosferico improvviso cessano gradualmente in tutta l’Europa nordoccidentale entro la fine di marzo, una tendenza di alta pressione potrà prendere il controllo della regione per promuovere condizioni più asciutte e più calde, evidenziano le previsioni di AccuWeather.

Dalla Francia alla Polonia, il caldo aumenterà gradualmente man mano che la primavera entrerà in pieno svolgimento e il tema del maltempo verrà in primo piano con l’inizio della tradizionale stagione del maltempo in Europa. I meteorologi hanno specificamente evidenziato la Germania e la Polonia come due Paesi che questa primavera si troveranno ad affrontare un significativo rischio di maltempo, insieme alle aree vicine a nord e ad est delle regioni alpine.

Anche parti della Spagna occidentale e del Portogallo dovranno affrontare un inizio di primavera instabile, il che potrebbe aiutare a moderare la velocità con cui il caldo si accumula in tutta la regione, sebbene gran parte della Spagna orientale e sudorientale abbia registrato solo il 50-75% circa delle precipitazioni tipiche dello scorso autunno a metà marzo e il caldo potrebbe aumentare rapidamente in questo settore questa primavera.

Gran parte dell’Europa sudorientale continuerà ad affrontare condizioni calde questa primavera, che saranno ancora più calde entro maggio e inizio giugno. Le località da Roma a Bucarest, in Romania, che hanno registrato temperature a metà marzo tipiche della fine di aprile, manterranno questa tendenza calda nel corso dei prossimi mesi, accompagnata da occasionali periodi di pioggia. Durante l’inizio della primavera, non è insolito che le tempeste si scatenino tra i Balcani e l’Europa sudorientale, concludono le previsioni meteo per la primavera di AccuWeather.

(Per gentile concessione di Meteoweb)

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Metropoli.Online - Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli