8.5 C
Roma
giovedì 18 Aprile 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneFrascati, dieci giorni di libri e arte

Frascati, dieci giorni di libri e arte

La rassegna culturale “Di-versi e forma”, prima edizione del “Festival dell'editoria e dell'arte”, si tiene negli spazi del mercato coperto

- Pubblicità -

Dieci giorni di presentazioni, letture, conferenze, mostre e workshop all’insegna dell’arte e dell’editoria. È la rassegna culturale “Di-versi e forma”, patrocinata dal Comune di Frascati, dalla Confcommercio di Roma, dal Centro per il libro e la lettura e dal Sistema bibliotecario Castelli Romani, che ha preso il via venerdì 17 e si concluderà il 26 febbraio. Fitto il calendario di incontri e manifestazioni che caratterizzeranno queste giornate.

La rassegna, prima edizione del “Festival dell’editoria e dell’arte”, si tiene negli spazi del mercato coperto di Frascati, in piazza del Mercato, ed è curata dalla libreria Cavour Ubik e dalla Galleria Agarte-Fucina delle Arti, due realtà culturali molto attive nella città dei Castelli Romani. Tutti i giorni, dalle 16 alle 20, ingresso libero per seguire mostre ed eventi in calendario.

Ed è un calendario molto fitto e ricco quello che hanno messo in piedi i due organizzatori: Francesco Collacchi, di Ubik, e Alessandro Giansanti, di Agarte. Unisce ogni giorno espressioni artistiche e culturali di varia natura: incontri con gli autori, reading letterari e mostre di arte e di foto.

- Pubblicità -

È possibile seguire le novità del festival anche attraverso il sito di-versieforma.it e la pagina Facebook della rassegna.

Il calendario

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!