22.5 C
Roma
martedì 25 Giugno 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneFOTO / Civitanova Marche, la sottile ironia e profonda malinconia di Daniele...

FOTO / Civitanova Marche, la sottile ironia e profonda malinconia di Daniele Silvestri

Il cantautore romano esprime la sofferenza per solitudine e confusione sociale dell’umanità. E prosegue per molto più delle due ore previste

- Pubblicità -

Inizia con un pugno sferrato allo stomaco il live di Daniele Silvestri a Civitanova Marche, con “Argentovivo”, la canzone arrivata sesta al Festival di Sanremo 2019. Un testo durissimo, sui bambini iperattivi, che gli adulti intendono “sedare” con veri e propri psicofarmaci.

Quegli adulti inconsapevoli, che prima dimenticano l’esistenza stessa dei piccoli e il loro desiderio – infranto – di cure, piazzandoli per anni davanti a uno schermo (tv, consolle, cellulare, pc), per poi scoprire che l’unico sentimento che hanno nutrito e allevato in un’adolescenza confusa e solitaria è, ovviamente, il rancore.

Il concerto prosegue per molto più delle due ore previste, con l’alternarsi di atmosfere (apparentemente) scanzonate e di toni più cupi, descrivendo la nostra società per quella che è: un palcoscenico freddo, automatizzato e sordo ad ogni richiesta di umanità e fratellanza. Sette bravissimi musicisti accompagnano Silvestri, che suona alternativamente chitarre e piano, e canta senza una minima flessione e dialoga con un pubblico nutrito, coinvolto e attento, e il tempo passa d’un fiato.

- Pubblicità -

Da “L’uomo del megafono”, a “L’appello”, ai brani del nuovo album, come “Colpa del fonico”, “Tutta”, “L’uomo nello specchio” e la mia preferita “While the children play” (che associo mentalmente a “Where do the children play?” di Cat Stevens), fino ai cinque bis, nei quali include “Cara” di Lucio Dalla, “La paranza” e “Salirò”, il cantautore romano esprime la sofferenza per la solitudine e confusione sociale dell’umanità intera. Con sottile ironia e profonda malinconia.

Ringraziando Best Eventi per l’ottima scelta ed organizzazione e la gentile Silvia delle “groupies”, vi lascio un’ultima considerazione. Lo scrittore afroamericano James Baldwin afferma: «Artists are here to disturb the peace» («Gli artisti sono qui per disturbare la pace»). Daniele Silvestri lo sa bene: infatti da trent’anni ci fa riflettere attraverso la sua arte.

- Pubblicità -
Alessandra Lumachelli
Alessandra Lumachelli
Grafologa forense e consulente grafologica, docente, conferenziera e scrittrice, ha pubblicato saggi, romanzi e libri di poesie. Fra gli altri: “Il costo sociale del ghosting”, “Drinking (and Dancing) with L. A.”, “Amore non mio”, “Scrittura creatività e arte”, “Grafologia. Appunti in ordine sparso”. Da sempre attenta a tematiche etiche e sociali, sostiene Survival. Il nome registrato Drinking with L. A. le appartiene.
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!