32.2 C
Roma
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCalcioFOTO / Castel di Sangro si colora d'azzurro per la “prima” del...

FOTO / Castel di Sangro si colora d’azzurro per la “prima” del Napoli campione

Allenamento a porte aperte: in tanti fuori dai cancelli. Il sindaco: 2.500 posti in più allo stadio di calcio per le prossime tre amichevoli

- Pubblicità -

Una marea umana di appassionati ha colorato d’azzurro Castel di Sangro in occasione della prima uscita stagionale del Napoli campione d’Italia. Gli uomini di Rudi Garcia, nel ritiro abruzzese, hanno offerto ai propri sostenitori un allenamento a porte aperte che ha richiamato un grande pubblico, tanto che si sono formate lunghe code agli ingressi, non tutti aperti, dello stadio. Con conseguenti momenti di tensione per i tanti sostenitori costretti a restare fuori dall’impianto, una volta esauriti i posti a disposizione.

Ed oggi il sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, ha annunciato lavori di ampliamento della capacità dello stadio “Teofilo Patini”, che dovranno portare ad ospitare sugli spalti 7.500 spettatori: 2.500 in più rispetto alla attuale capienza.

Una decisione, dopo il grande afflusso di pubblico di ieri, che intende accogliere le prevedibili nuove ondate di tifosi attese per le tre amichevoli internazionali che i campioni d’Italia affronteranno nel corso del ritiro abruzzese contro Girona (mercoledì 2, ore 18.30), Augsburg (domenica 7, ore 18.30) e Apollon Limassol (venerdì 11, ore 18.30). Tutte e tre le amichevoli verranno trasmesse da Sky.

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -AD - Tipografia Giammarioli

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!