11.6 C
Roma
venerdì 19 Aprile 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCalcioLa folle vittoria della Costa d’Avorio in Coppa d’Africa

La folle vittoria della Costa d’Avorio in Coppa d’Africa

Dopo essere stata ripescata come ultima delle migliori terze nella fase a gironi ed avere esonerato il proprio ct, ha vinto rocambolescamente

- Pubblicità -

Vincere un trofeo continentale dopo aver esonerato il proprio allenatore prima della fase ad eliminazione diretta? Si può fare, e ce lo ha dimostrato la Costa d’Avorio. Per gli Elefanti quello conquistato l’altra domenica è il terzo titolo assoluto, ma il modo in cui il successo è arrivato rende il tutto ancora più speciale. Una storia che merita di essere sottolineata e ripercorsa dall’inizio.

In primo luogo, gli ivoriani hanno vinto davanti al loro pubblico. La finale, vinta per 2-1 contro la quotatissima Nigeria di Victor Osimhen e Ademola Lookman, non è stata solo una partita di calcio, bensì una festa dai contorni quasi mistici.

Lo stadio olimpico Alassane Ouattara di Abidjan stracolmo di ivoriani è stato il contorno perfetto per l’arancione celebrazione della Costa d’Avorio. Il tutto davanti al Presidente Alassane Ouattara: già, colui che dà il nome all’arena.

- Pubblicità -

Proprio contro la Nigeria, gli Elefanti si erano già misurati nella fase a gironi per uno strano scherzo del destino, uscendone sconfitti per 1-0 grazie al gol di Troost-Ekong, vecchia conoscenza dell’Udinese. Dopo l’illusoria vittoria per 2-0 sulla Guinea Bissau, fa troppo rumore il 4-0 subito contro la Guinea Equatoriale.

Per la Federazione questo è troppo ed il ct francese Jean-Louis Gasset viene esonerato. Ma la Costa d’Avorio non è eliminata dalla competizione: viene, infatti, ripescata come ultima delle migliori terze. Insomma, gli ivoriani si presentano agli ottavi di finale con i peggiori risultati tra le qualificate. I presupposti per l’ennesimo tonfo ci sono tutti.

Sotto la guida del nuovo tecnico Emerse Faé, la Costa d’Avorio incontra i favoritissimi del Senegal: 1-1 nei 120 minuti e successo ai rigori, grazie ad un super Franck Kessié. Il primo miracolo è servito. Ma questo è solo l’inizio.

Il temibile Mali ai quarti mette in grave difficoltà gli ivoriani che riescono a mandare la partita ai supplementari grazie al gol al 90′ di Adingra; al 122′, poi, arriva il clamoroso successo con la firma di Oumar Diakité. Follia.

In semifinale entra in scena la stella della squadra, Sebastien Haller: è sua la rete che decreta la vittoria contro la Repubblica Democratica del Congo e la finale davanti al proprio pubblico. I due uomini simbolo della squadra, proprio il giovane Haller e capitan Kessié ribaltano la sfida contro la Nigeria e mandano in estasi un popolo intero.

Così. Una parabola senza senso di una squadra allo sbando che, però, ha avuto il grande pregio di divertire e divertirsi. Anche grazie alla loro storia da film, la Coppa d’Africa 2023 è stata la più bella della storia.

- Pubblicità -
Edoardo Sanfilippo
Edoardo Sanfilippo
Laureato magistrale in media, comunicazione digitale e giornalismo. Ricopro il ruolo di media analyst a Data Stampa. Le mie passioni? Lo sport, in particolare le quattro ruote, la politica e la scrittura. Adoro curiosare e sapere di più su tutti gli aspetti della società.
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!