11.4 C
Roma
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneFiano Romano più dolce che mai: arriva il campionato mondiale del panettone

Fiano Romano più dolce che mai: arriva il campionato mondiale del panettone

Oltre 60 pasticceri presenti nella cittadina dell'hinterland di Roma alla competizione della Federazione internazionale della pasticceria

- Pubblicità -

A Fiano Romano, cittadina della provincia di Roma, nella splendida cornice del Castello Ducale domenica 23 ottobre 2022, con inizio alle ore 15, si terrà il  Campionato mondiale del panettone che vedrà la presenza  di numerosi partecipanti provenienti da tutto il mondo. Oltre 60 pasticceri e professionisti del settore prenderanno parte all’atteso evento, giunto alla quarta edizione, ideato dalla Federazione internazionale pasticceria, gelateria e cioccolateria (Fipgc).

«Il dolce natalizio italiano per eccellenza – ha detto Matteo Cutolo, Presidente Fipgc – ha superato da tempo ogni confine, cultura e limite geografico. Con questa competizione vogliamo premiare i migliori professionisti al mondo e individuare la migliore interpretazione possibile del panettone classico, ma non solo. Tra le diverse categorie abbiamo voluto inserire quest’anno anche il panettone salato e pandoro artigianale, il cui consumo è in grande crescita negli ultimi anni».

Cinque le categorie in cui i pasticceri potranno scegliere di gareggiare. Miglior panettone classico del mondo: la tradizione fa da padrona sia per il procedimento sia per gli ingredienti, immancabili cubetti d’arancia e cedro e uvetta. Miglior panettone innovativo del mondo: nessun limite alla fantasia e alla creatività, via libera a farciture golose e a impasti estrosi. Miglior panettone salato del mondo: è la prima novità di questa edizione e dovrà avere tutte le caratteristiche di un panettone tradizionale ma con una tendenza al salato, che potrà essere gustato come aperitivo o a tavola. La frutta candita in questo caso lascia lo spazio al possibile ricorso a salumi, formaggi e verdure. Miglior panettone o pandoro decorato del mondo: gli artisti decoratori e cake designer potranno sbizzarrirsi a creare decorazioni di grande impatto visivo. Qui a contare sarà l’estetica. Miglior pandoro del mondo: non solo panettone. Quest’anno si lascia libero l’ingresso anche al dolce natalizio della tradizione veronese. Lievitazione, alveolatura, sofficità e taglio dovranno essere perfetti.

- Pubblicità -

La giuria, esterna alla Federazione, sarà composta da Alessandro Bertuzzi, campione italiano di pasticceria ed esperto lievitista, Simona Lauri, tecnologa alimentare, Fabio Bertoni, docente panificatore, esperto di lievitati, pasticceria e pasticceria da forno, e da Ettore Cioccia, pasticcere spagnolo di origini italiane, maestro di pasticceria internazionale. I partecipanti dovranno inoltre superare anche il giudizio insindacabile del pubblico. Infatti, per la prima volta, viene istituita la giuria popolare composta dagli spettatori che vorranno dare il proprio voto. L’evento è gratuito e aperto al pubblico.

Il Campionato Mondiale del Panettone si potrà seguire in diretta su: https://www.facebook.com/fipfederazionepasticceria/.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Margherita Hack” di Morlupo. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli