22.4 C
Roma
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo

HomeCronache MetropolitaneFesta di settembre a Fiano Romano fra musica, giochi e devozione

Festa di settembre a Fiano Romano fra musica, giochi e devozione

Madonna dell'Addolorata: una delle ricorrenze religiose e popolari più antiche, amate e partecipate dai cittadini della valle del Tevere

- Pubblicità -

Tutto è pronto per la Festa di settembre in onore della Madonna Addolorata, una delle ricorrenze religiose e popolari più antiche, amate e partecipate dai cittadini della valle del Tevere e non solo. Anche quest’anno l’associazione Pro Loco, con il patrocinio del Comune di Fiano Romano e la collaborazione della parrocchia di S. Stefano Nuovo, ha predisposto un nutrito programma dei festeggiamenti che, dopo essere iniziati giovedì 15, culmineranno domenica 18 settembre.

Mu­sica, concerti, spettacoli e appuntamenti religiosi sono gli ingredienti della manifestazione, giunta alla sua 180esima edizione. La kermesse prevede per giovedì 15, alle 21 in piazza Matteotti, il concerto della banda musicale di Fiano Romano con la partecipazione della “Junior Band”.

Il giorno seguente, alle 19 nel cortile del castello ducale, è in programma “La donna che danza”, performance di danza orientale a cura di Maria Stopper e Martinica Ferrara. Mentre alle 19.45, in piazza Matteotti, si terrà la presentazione del libro “Italia cara agli Dei” di Archimede Pezzola. La serata si concluderà con uno spettacolo di cabaret con i cominci Lando e Dino e l’orchestra spettacolo Romina Grimani.

- Pubblicità -

Sabato 17 spazio per bambini con il Circo Errani, in piazza Matteotti (ore16). Alle 17 esibizione di mountain bike per ragazzi, a cura dell’Associazione Scuola Bici Asd MTB Fiano Romano in via Palmiro Togliatti. Seguirà alle 19.30 la rievocazione delle antiche tradizioni della Festa organizzato dalla Pia Unione della Madonna Addolorata con la partecipazione della banda musicale di Fiano Romano. La serata si concluderà con l’atteso concerto-spettacolo del gruppo musicale “L’Orchestraccia”, gruppo folk-rock romano, che si compone in modo creativo, delirante e quasi disordinato di attori, cantautori, musicisti e performer. Con moderne misture di suono, che vanno dal dub al punk-rock al patchanka, l’Orchestraccia farà ballare, divertire, cantare e ridere il pubblico presente.

Nella mattinata di domenica, alle 9, buongiorno della banda musicale di Fiano Romano. Alle 9.45 arrivo del rinomato Gruppo folkloristico di Bettolle che, dopo pranzo con inizio alle 15, si esibirà in uno spettacolo in piazzale Cairoli. Il pomeriggio terminerà con l’appuntamento religioso più atteso. Alle 18.30 celebrazione della Santa Messa in piazza Nassirya. Seguirà la solenne processione per le vie della cittadi­na con la statua della Madonna Addolorata trasportata a spalla dai portatori.

In serata, alle 21, spettacolo musicale con l’orchestra “HBH Band”. Nella suggestiva cornice storica del Castello Ducale, nei giorni 15, 16, 17 e 18 settembre, saranno esposte le copie museali dei capolavori di Caravaggio, con alcune recentissime novità mai esposte prima, dei pittori Stefano Martini e Felicia Caggianelli. I festeggiamenti si concluderanno con un suggestivo spettacolo di fuochi artificiali.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Margherita Hack” di Morlupo. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano