21.7 C
Roma
domenica 16 Giugno 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeSocietà“Donna d'autore” 2024: un premio al talento e alla passione femminili

“Donna d’autore” 2024: un premio al talento e alla passione femminili

A Montecitorio svolta l'ottava edizione del riconoscimento, ideato e curato da Anna Silvia Angelini. L'elenco di tutte le personalità premiate

- Pubblicità -

«Ho scelto di premiare queste donne perché nel corso dell’anno si sono distinte per la loro attività e e la loro generosità nel campo delle arti, dell’imprenditoria, della letteratura, del sociale, del giornalismo, del cinema, del teatro, celebrando la donna in contrapposizione alle ormai quotidiane notizie di violenze e femminicidi: sono 40 le vittime da gennaio 2024».

Le parole di Anna Silvia Angelini, ideatrice e curatrice del premio “Donna d’Autore & Special Awards”, suonano come un vero manifesto programmatico e ideale di questo riconoscimento: un appuntamento ormai divenuto un atteso evento per mettere in evidenza le eccellenze femminili, ma anche quelle maschili, che hanno saputo riconoscere, rispettare e valorizzare talento e personalità delle donne.

Giunto all’ottava edizione, il premio, per celebrare la donna e la lotta contro la violenza di genere, ha vissuto la cerimonia di premiazione nella serata di lunedì 3 nella Sala della Regina a Palazzo Montecitorio, a Roma. Alle personalità premiate è stato assegnato un gioiello creato dalla fashion designer Fina Scigliano: raffigura il cuore della donna, simbolo di amore e tenerezza, che racchiude l’anima della femminilità e la forza delle donne. A condurre la cerimonia, con le sue ben note professionalità ed eleganza, la giornalista di Rai 1 Vittoriana Abate.

- Pubblicità -

L’evento si è aperto con la performance “Per ogni donna che nasce”, ideata e scritta da Anna Silvia Angelini, Interpretata da Cecilia Herrera, che ha indossato un abito rosso gioiello creato in esclusiva dalla stilista Fina Scigliano. A seguire, l’artista Massimiliano Ferragina  ha dedicato a tutte le donne una poesia di Frida Kahlo.

Anche questa edizione del premio ha avuto l’alto patrocinio del Parlamento europeo, quello del Consiglio regionale del Lazio e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. L’iniziativa è sostenuta da Università Popolare Pontina, Pro Loco Nettuno e altre importanti istituzioni. È il risultato dell’impegno e della dedizione dell’Aide Nettuno Aps (Associazione indipendente donne europee), presieduta da Anna Silvia Angelini.

Demetra Hampton (attrice)
Barbara Capponi (giornalista Rai 1)
Silvia Armeni (produttrice cinematografica)
Francesca Maresca (cantante e musicista)
Mariella Anziano (giornalista Tgr Lazio)
Anna Vagli (criminologa)
on. Martina Semenzato (presidente Commissione femminicidio)
Cristiana Ciacci (cantante e scrittrice)
Valentina Pelliccia (giornalista e scrittrice)
Giovanna Castellano (imprenditrice)
Monica Jarosz (imprenditrice, presidente di Esse)
Monia Cupellini (presidente associazione “Attraverso nuovi occhi”)
on. Micol Grasselli (consigliera Regione Lazio)
Silvia Casarin Rizzolo (direttrice d’orchestra)
Concita Borrelli (giornalista)
on. Susanna Ceccardi (parlamentare europea)

Pino Quartullo (attore e regista) – Alla carriera
Marco Serrao (urologo e andrologo, presidente fondazione “Totò Morgana”)
Fabrizio Pacifici (organizzazione grandi eventi
Fabrizio Santori – Premio per il sociale

Cecilia Costagliola (presidente “Marzo donna Procida”)
Rossella Ruocco (fotografa)
Romina Russo (poetessa)
Klarida Rrapaj (criminologa)

Arianna Bisignani
Pietro Ippolito

Michele Simolo
Rossella Ruocco
Maurizio Timitilli
Staff associazione “Attraverso nuovi occhi”

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!