11.6 C
Roma
lunedì 28 Novembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeAttualitàCovid-19, emergenza all'italiana e alla svedese: quando la maturità non è l'oppio...

Covid-19, emergenza all’italiana e alla svedese: quando la maturità non è l’oppio dei popoli

- Pubblicità -

Mia figlia ha 5 anni. Saltella tutto il giorno per casa. Non si tiene, a quell’età, abituata a divertirsi con amichetti e maestre con mille attività la mattina a scuola e il pomeriggio al parco. Degli amici e delle maestre, con cui è in contatto attraverso la chat dei genitori (lo confesso: è l’unica volta che ho benedetto una chat di gruppo di genitori), parla ogni giorno: le mancano moltissimo.

Capita allora che un genitore, preso dalla pena per quell’angioletto in gabbia, le dica: «Amore, oggi c’è il sole. Facciamo una passeggiata? Andiamo nella piazzetta di fronte al parco a giocare per strada». La bimba interrompe i suoi giochi, ti guarda con gli occhietti sgranati e ti dice: «No, no: c’è il coronavirus!».

Cinque anni!

- Pubblicità -

Sono due le cose. O mia figlia è un genio precoce, o chi dice di non aver capito cosa abbia detto il presidente del Consiglio ieri sera e scalpita per il “tana libera tutti” ha un’età emotiva inferiore ai cinque anni.

In verità ho anche il sospetto di una terza opzione. Ovvero che mia figlia, a quell’età, sia libera dai condizionamenti dei social e della propaganda politica e ragiona con la sua testolina. Come ragiona ogni bimbo della sua età: scegliendo ciò che dà maggiore sicurezza.

E ora ditemi pure che noi italiani siamo adulti e liberi di fare quello che vogliamo, mentre in Svezia sono tutti bimbi di cinque anni. Perché in Svezia il governo non ha imposto nulla: ha solo consigliato. Sono gli svedesi che hanno accolto i consigli e sono rimasti di propria volontà in casa. Senza che nessuno pensasse di essere il virologo da tastiera in grado di salvare il mondo. E l’opposizione politica e gli organi di informazione non si sono neanche sognati di entrare in campagna elettorale né di denunciare sdegnati l’inferiorità dei meridionali.

Meglio così: perché rispetto alla Svezia, geograficamente i meridionali siamo noi. Prima o poi, si è sempre i “meridionali” di qualcuno.

- Pubblicità -
Massimo Marciano
Massimo Marcianohttp://www.massimomarciano.it
Fondatore e direttore di Metropoli.online. Giornalista professionista, youtuber, presidente e docente dell'Università Popolare dei Castelli Romani (Ente accreditato per la formazione professionale continua dei giornalisti), eletto più volte negli anni per rappresentare i colleghi in sindacato, Ordine e Istituto di previdenza dei giornalisti. Romano di nascita (nel 1963), ciociaro di origine, residente da sempre nei Castelli Romani, appassionato viaggiatore per città, borghi, colline, laghi, monti e mari d'Italia, attento osservatore del mondo (e, quando tempo e soldi lo permettono, anche turista). La passione per la scrittura è nata con i temi in classe al liceo e non riesce a distrarmi da questo mondo neanche una donna, tranne mia figlia.
- Pubblicità -AD - Tipografia Giammarioli

Primo Piano

Ultimi Articoli