11.6 C
Roma
lunedì 28 Novembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache Metropolitane“Colosseo d'oro 5.0”: Roma premia le eccellenze

“Colosseo d’oro 5.0”: Roma premia le eccellenze

Il premio, giunto alla trentesima edizione, intende dare il giusto riconoscimento alle eccellenze in vari settori dell’imprenditoria, della creatività e del sociale. Ad Arianna Di Lembo l'ambito premio per la moda

- Pubblicità -

Moda protagonista, quest’anno, nell’edizione 2021 del premio “Colosseo d’oro” di Roma. Merito di Edran, il nome d’arte dietro al quale si cela Arianna Di Lembo, un’artista della moda il suo stile spazia su lunghezze d’onda così varie che sembra sospeso tra la poesia e la bellezza, il teatro e la moda. Le sue creazioni hanno vestito la conduttrice della cerimonia di premiazione, l’attrice Angelica Loredana Anton.

Il premio intende dare il giusto riconoscimento alle eccellenze in vari settori dell’imprenditoria, della creatività e del sociale. Giunto alla trentesima edizione, per la prima volta la serata conclusiva non è stata condotta dal suo ideatore, Franco Moschetti, che a dicembre si è dovuto arrendere definitivamente alla malattia che nell’ultimo anno e mezzo ha aggredito la nostra salute e la nostra vita sociale. A lui è andato il riconoscimento alla memoria.

A raccoglierne il testimone, il giornalista e produttore cinematografico Gennaro Ruggiero, che con Moschetti è stato compagno di avventura in tante iniziative per il sociale. Per sottolineare il desiderio di ripartenza e l’attenzione alla modernità, ha voluto che alla denominazione classica da quest’anno venisse aggiunto il termine 5.0.

- Pubblicità -

Il premio è organizzato sotto l’egida dell’Accademia Cicerone, ente appartenente al Comitato internazionale cooperazione sviluppo (Cics), presieduto da Stefan Cernetic, in collaborazione anche con l’Accademia culturale di Cartagine, diretta da Alessandro della Posta. La cerimonia di premiazione si è tenuta, in occasione di un pranzo di gala a Roma, nel ristorante “Le mille e una notte” di via Toscana 41, a due passi da Via Veneto.

La serata è stata presentata dall’attrice, scrittrice e cantante Angelica Loredana Anton, che ha indossato gli abiti firmati Edran, e dall’attore e regista Gianluca Magni.

I premiati:

Claudio Abati
Alla memoria di Franco Moschetti
Già titolare del Premio                    

Giusy Amato
Categorie: Cultura e Spettacolo

Anna Silvia Angelini
Categoria: Impegno Sociale

Angelica Loredana Anton
Categorie: Cultura e Spettacolo

Anton Giulio Grande
Categoria: Moda

Luciano Baietti
Categoria: Cultura

Alessandro Della Posta
Categoria: Impegno Sociale

Alessandro Leichner
Alla memoria di Bombolo
Categoria: Cultura e spettacolo

Giovanni Brandi Cordasco Salmena
Categoria: Giustizia e Istituzioni

Ugo Cavaterra
Categorie: Cultura e Spettacolo

Maurice Cereghini
Categoria: Scienza

S.A.I.R. Principe Stefan Cernetic
Categoria: Cooperazione Internazionale

Giampiero Criscuolo
Categoria: Cooperazione Internazionale

Michele Cucuzza
Categoria: Comunicazione

Rosario Errico
Categorie: Cinema

Antonietta Marafini
Alla memoria di Antenore Della Vecchia
Categorie: Cultura e Spettacolo

Arturo Di Mascio
Categoria: Economia e Finanza

 “Edran” – Arianna Di Lembo
Categoria: Moda

Roberto Gabriele
Categoria: Imprenditoria

Oscar Garavani
Categoria: Moda

Giuseppina Iannello
Categoria: Moda

Mario Francesco Ioppolo
Categoria: Cooperazione Internazionale

Gianluca Magni
Categoria: Spettacolo

Quirino Martellini
Categorie: Arte e Cultura

Pierino Pavone
Categorie: Comunicazione e Marketing

Francesco Raponi
Categoria: Scienza

Maurizio Ricciardelli
Categorie: Economia e Finanza

Cristiano Romiti
Categoria: Imprenditoria

Sandro Scapicchio
Categoria: SpettacoloAldo Taietti
Categoria: Impegno Sociale

NUOVI ACCADEMICI:

Rinaldo Veri, Cristian Romiti, Alessandro Forno, Ciro Andreotti, Alessandro Di Paola, Hoti Lumnie, Mauro Carmagnola, Ferruccio Capra Quarelli, Giovanni Brandi Cordasco Salmena, Ludovic Bojard, Paolo Borgonzoni, Luisa Paratore, Giorgia D’Andrea, Blentina Tafaj, Marco Werba, Romana Mengaziol, Reyna Dawn Vogt, Valerio Matteu, Alessio Errico, Angelo Martini, Eleonora Mancini, Jaqueline Monica Magi, Claudia Cotti Zelati. – Nel Senato accademico S.A.I.R. Charoula principessa di Montenegro, Serbia e Macedonia nata Donitsiou.

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli