11.6 C
Roma
lunedì 28 Novembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneTornano a casa le “colate” di Mario Titi, “inventate” dal gatto di...

Tornano a casa le “colate” di Mario Titi, “inventate” dal gatto di Aldo Fabrizi

Nel centenario la sua città, Frascati, dedica al pittore una mostra dei quadri sulla Divina Commedia realizzati con la sua originale tecnica

- Pubblicità -

Un fil di lacca, colata e quasi tessuta sulla tela. Questa la strabiliante tecnica pittorica di Mario Titi, artista di cui si celebra sino all’8 maggio, a Frascati, la sua città di origine, il centenario dalla nascita. In esposizione alle Scuderie Aldobrandini, spazio museale ed espositivo della città dei Castelli Romani, una selezione delle 120 tele dedicate alla Divina Commedia. Noto per le sue opere realizzate con la personalissima tecnica della “colata” espose e viaggiò in tutta Europa, a New York, la sua città del cuore, in Canada, Brasile, Argentina, Messico.

È il pittore dei riflessi guizzanti e del colore smagliante, del dinamismo aereo e leggero, del tessuto brillante colato dal barattolo direttamente sulla tela posata a terra. Mario Titi torna oggi alla ribalta con questa mostra organizzata dal Centro studi e documentazioni storiche Frascati, con il patrocinio del Comune di Frascati e dell’Istituto regionale delle Ville Tuscolane (Irvit) che si presta ad una lettura critica che va ben oltre il legame empatico ed emotivo che si deve ad un cittadino illustre. Una mostra che, a causa della pandemia, arriva tardi rispetto alle celebrazioni dantesche ma che certamente avrebbe meritato ben altra attenzione e riflessione.

Le tele selezionate per testimoniare le tre cantiche dell’Alighieri, realizzate tutte alla metà degli anni Settanta del Novecento, restituiscono una modernità tecnica e coloristica di assoluto rilievo che travalica il periodo storico di realizzazione e che giungono a noi con un linguaggio contemporaneo nelle forme e nei colori. Le opere documentano una grande conoscenza artistica; il giovanissimo artista allievo di Tato negli anni Trenta con cui, epigono, partecipa al movimento internazionale futurista, aveva frequentato l’Accademia di Belle Arti.

- Pubblicità -

Le sue prime “colate” datano 1945 e la sua prima mostra arriva due anni dopo, nel 1947. E già questa sua tecnica dimostra la profonda innovatività e creatività di Titi. All’uso del pennello sostituisce il colore liquido, colato e lavorato sulla tela. Una tecnica che se pur coeva nulla ha a che vedere con il dripping di Jakson Pollok o le esperienze di Max Ernst. Le sue colate nascono in modo molto più semplice: «Grazie alla vivacità di un gattino siamese – raccontò lui stesso al critico Vincenzo Farro –  regalatomi da Aldo Fabrizi».

Era il 1938: il gatto fece rotolare dei barattoli e il colore caduto creò strane figure che colpirono la fantasia dell’artista che da quel momento, dopo innumerevoli tentativi, affinata la tecnica, trovò il suo specifico linguaggio che esprime un’energia invisibile eppure dinamica ed essenziale. Colate ma non solo: alcune sue opere hanno forti suggestioni con la Scuola Romana del dopoguerra e con i paesaggi di Mario Sironi, di cui era fraterno amico.

Il suo era quello dei poeti che alla fine degli anni Cinquanta si ritrovavano a Frascati per il Premio Botte (oggi Antonio Seccareccia), l’ambiente di Sandro Paparatti e Filippo Accrocca. Nel suo studio lindo e ordinatissimo, cosi appariva il primo atelier di Mario Titi in piazza del Gesù di fronte alla omonima chiesa, nascono centinaia di opere tra cui quelle a soggetto religioso, uno dei pochi artisti ad affrontare la tematica, e poi il grande successo della mostra “Uomo sulla Luna” che lo fece arrivare oltreoceano con grande plauso e, come narrano le cronache del tempo, anche nella collezione privata di Richard Nixon.

- Pubblicità -
Emanuela Bruni
Emanuela Bruni
Giornalista professionista. Capo ufficio stampa di varie istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri per oltre 15 anni, è stata la prima donna a ricoprire l’incarico di Capo dell’Ufficio del Cerimoniale di Stato della Repubblica Italiana. Ha lavorato per numerose testate tra cui la Rai e Il Sole 24 ore. Ha scritto numerosi libri, in particolare sulla storia delle donne, mai abbandonando la sua passione primaria per la Storia dell’Arte.
- Pubblicità -AD - Tipografia Giammarioli

Primo Piano

Ultimi Articoli