5.6 C
Roma
sabato 28 Gennaio 2023
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneCivita Castellana, il vescovo Salvi: «Chiesa mai stanca di aprire nuovi orizzonti»

Civita Castellana, il vescovo Salvi: «Chiesa mai stanca di aprire nuovi orizzonti»

Nel suo primo discorso ai fedeli il nuovo presule cita Papa Francesco: «Creare ascolto, confronto e relazione perché nessuno resti indietro»

- Pubblicità -

La chiesa di Civita Castellana ha accolto pochi giorni fa il suo nuovo vescovo, S. E. Mons. Marco Salvi, nominato lo scorso 11 novembre Vescovo di Civita Castellana da Papa Francesco. Mons. Salvi è succeduto al conterraneo Romano Rossi, che per ben 15 anni ha guidato la comunità cattolica nel comune civitonico. Un’accoglienza con una celebrazione solenne, ma nello stesso tempo semplice, con la presenza di cardinali, vescovi della Conferenza episcopale laziale, sacerdoti, parroci.

Mons. Marco Salvi

Numerosi i fedeli giunti oltre che dal territorio diocesano anche dalla diocesi di Perugia-Città della Pieve, dove Marco Salvi ha esercitato fino ad ora il suo servizio pastorale come Ausiliare del card. Gualtiero Bassetti e poi di Mons. Ivan Maffei. L’intenso abbraccio della comunità al nuovo presule si è tenuto in piazza Giacomo Matteotti, situata nel cuore antico della cittadina.

Al suo ingresso nella piazza, accompagnato dal cardinale Bassetti e da monsignor Maffei, Salvi è stato accolto da un lungo applauso da parte dei fedeli presenti. La cerimonia, sempre in piazza Matteotti, è iniziata con i saluti istituzionali. Poi ha preso la parola il nuovo vescovo.

- Pubblicità -

Davanti ai numerosi presenti, monsignor Salvi ha detto: «Vengo con il desiderio di creare sempre più momenti di ascolto, di confronto ma soprattutto di relazione, affinché nessuno rimanga indietro, come dice Papa Francesco. La Chiesa ha il compito di non stancarsi mai di annunciare e aprire nuovi orizzonti pastorali, nella consapevolezza che la ricerca del bene comune possa diventare qualcosa di concreto».

È seguita una processione che è passata davanti al picchetto d’onore dei carabinieri in alta uniforme. Dopo la celebrazione eucaristica all’interno della Cattedrale, il rito del “possesso canonico” del nuovo vescovo, la lettura della bolla papale e il passaggio del pastorale dalle mani di monsignor Rossi a quelle del suo successore.

La giornata del nuovo vescovo è iniziata con l’incontro con gli ospiti della casa Progetto psicoterapeutico Cusmano; successivamente c’è stato un momento di preghiera al Santuario Santa Maria ad Rupes, patrona della diocesi, a Castel Sant’Elia. Nello stemma del vescovo Salvi spicca il motto duc in altum (“spingiti verso il largo”): un programma di vita per un pastore chiamato a guidare le “sue pecore” verso mete sempre più alte e profonde.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Margherita Hack” di Morlupo. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli