20.2 C
Roma
lunedì 17 Giugno 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneL'“oro verde” di Cantalupo in Sabina

L’“oro verde” di Cantalupo in Sabina

Nel comune reatino, il 28 e 29, un fine settimana di iniziative per valorizzare e diffondere la cultura dell’olio, prodotto tipico della zona

- Pubblicità -

Festa dell’olio a Cantalupo in Sabina. La manifestazione, giunta alla sua seconda edizione, celebra il prodotto tipico della Sabina noto come l’“oro verde”. L’appuntamento, che nella passata edizione ha richiamato un folto numero di partecipanti provenienti non solo dal Lazio, si svolgerà sabato 28 e domenica 29 ottobre nel borgo situato tra i Monti Reatini e il fiume Tevere.

L’iniziativa, promossa dal Comune reatino, è tesa a valorizzare e diffondere sempre più la cultura dell’olio, come si assaggia, quali sono le sue caratteristiche principali, la sua importanza nella dieta alimentare, i diversi usi che se ne possono fare oltre a quello alimentare. L’evento, che si svolge con la collaborazione della locale Pro Loco, del Centro anziani e dell’impresa sociale Simul Vivere, ha anche uno scopo benefico. I proventi derivanti dalla somministrazione dei pasti, infatti, saranno devoluti proprio all’impresa Simul Vivere, che da due anni si occupa delle persone affette da autismo, attraverso un progetto condiviso con l’amministrazione comunale.

Il cartellone prevede per sabato 28 ottobre, nella sala consiliare con inizio alle ore 10.30, un incontro con la dottoressa Patrizia Pellegrini, naturopata e bioterapeuta, la quale parlerà dell’olio d’oliva nella dieta mediterranea e delle cambiate condizioni climatiche, che influenzano pesantemente le produzioni del cosiddetto “oro verde”. Seguirà la raccolta delle olive al Casale 22, mentre Paolo Consumati, domenica 29 ottobre alle 10, insegnerà ad assaggiare l’olio confezionato e quello per uso familiare, che verranno benedetti.

- Pubblicità -

In piazza Garibaldi, nel pomeriggio di sabato 28 ottobre, si svolgerà una dimostrazione di come nel Medioevo combattevano i cavalieri Templari e si parlerà della loro dieta di longevità a base, appunto, di olio di oliva. Mentre il giorno seguente attesa dimostrazione della preparazione di tipiche paste italiane (sfoglia e gnocchi), oltre ai maccheroni a cento, impastati con l’olio, piatto tipico di Cantalupo in Sabina.

Sempre in piazza Garibaldi è previsto per sabato (inizio alle 19.30) e domenica (inizio alle 12.30) un “aperiticoliva” e cena/pranzo templare e per l’occasione saranno allestiti stands dove sarà possibile acquistare olio e prodotti tipici della Sabina.

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Gregorio da Catino” di Poggio Mirteto. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!