21.7 C
Roma
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo

HomeAttualitàLegato e malnutrito, cane liberato dalla Polizia; denunciato il padrone

Legato e malnutrito, cane liberato dalla Polizia; denunciato il padrone

Erano stati i condomini a segnalare i maltrattamenti subiti dal povero animale, permettendo così agli agenti di intervenire in un appartamento, a Roma

- Pubblicità -

Legato ad un termosifone, malnutrito e costretto a vivere tra le sue stesse feci. È cosi che i poliziotti del Distretto Casilino e agenti della Polizia locale di Roma Capitale hanno trovato un pitbull all’interno di un appartamento. Erano stati i condomini a segnalare i maltrattamenti subiti dal povero animale, permettendo così agli agenti di intervenire per accertarsi della situazione e prendersi cura del cane così selvaggiamente maltrattato.

Adesso il povero animale è stato affidato alle cure della Asl territoriale. L’uomo che lo aveva ridotto in quelle condizioni è stato denunciato. L’augurio è che il cane, liberato grazie alla sensibilità dei vicini, che non si sono voltati dall’altra parte, e al pronto intervento delle Forze dell’ordine, possa presto trovare una nuova casa e qualcuno che lo coccoli, come merita.

L’umano che, invece di prendersi cura dell’animale che aveva voluto in casa, lo ha sottoposto a continui maltrattamenti dovrà rispondere della sua condotta di fronte all’autorità giudiziaria. La legge 20 luglio 2004, n.189, recante “Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate”, ha profondamente modificato l’assetto normativo in tema di animali.

- Pubblicità -

Grazie a questa legge, frutto di lunghe battaglie delle associazioni a difesa degli animali e in modo particolare della Lav, nel libro II del Codice penale è stato inserito il titolo IX-bis: “Dei delitti contro il sentimento per gli animali”. L’articolo 544-ter, introdotto dalla legge 189, tra le altre cose dispone: “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro“. Tali sanzioni sono state stabilite dalla legge 4 novembre 2012, n. 201, che le ha innalzate rispetto alla normativa precedente.

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -AD - Tipografia Giammarioli

Primo Piano