19.6 C
Roma
sabato 25 Maggio 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeInternazionaleArad, simboli e luci dell'architettura di una città unica nell'Europa centrale

Arad, simboli e luci dell’architettura di una città unica nell’Europa centrale

Influenzata dall'opera della Massoneria nella cultura, lo è anche nella realizzazione di edifici con richiami orientali, ebraici e cristiani

- Pubblicità -

Città per eccellenza multiculturale, tollerante e aperta, Arad (Romania) ha vissuto uno sviluppo architettonico speciale nella sua evoluzione moderna. La Massoneria, che qui operò dal 1870-1871, rappresentò un vero e proprio fattore di coagulazione della società civile, sviluppando numerosi progetti culturali e filantropici. Al di là del loro coinvolgimento attivo nella comunità, i massoni di Arad hanno voluto lasciare in eredità ai posteri elementi di simbolismo molto particolari.

La caratteristica comune delle rappresentazioni simboliche nell’architettura della città era il sincretismo. Con questo Arad si distingue tra le altre città della Romania e dell’Europa centrale. Gli esponenti della massoneria aradiana adottarono simboli di origine orientale, ebraica e cristiana. Da questo punto di vista, spicca un edificio situato in via Lucian Blaga n. 11, costruito nel 1923 su progetto dell’architetto Milan Tabacovici, esponente della massoneria di Arad.

L’edificio – che fungeva da banca commerciale italiana e rumena – presenta sulla facciata principale alcuni simboli molto particolari. Si vedono l’albero della vita, il girasole, il topo e il volto della dea Diana. L’albero della vita, simbolo ancestrale dai molteplici significati, esprime l’armonia tra il piano cosmico e quello terrestre.

- Pubblicità -

Simbolo della vita in continua evoluzione, l’albero della vita ha ricevuto diverse connotazioni nei grandi sistemi spirituali dell’umanità, come l’Ebraismo e il Cristianesimo. In contrasto con l’albero della conoscenza del bene e del male nel giardino dell’Eden, l’albero della vita porta i frutti dell’immortalità, tanto che più tardi, nel Cristianesimo, rappresenta anche la Croce della crocifissione di Cristo.

Il girasole è il simbolo solare per eccellenza. Nella religione mitraica era l’attributo del dio Mitra, il dio del sole. Nel Cristianesimo simboleggia anche l’amore di Dio e del credente per il prossimo. È permanentemente associato alla luce. Nel Medioevo il topo era associato all’animale che trasportava le anime nel mondo superiore, creando il collegamento tra la Terra e il Cielo. Nella cultura indù, il ratto simboleggia l’intelligenza e la resistenza necessarie per superare gli ostacoli, nonché il controllo sull’ego. Simbolo dal duplice significato, il topo rappresenta sia il disastro, la calamità sia il raccolto, quindi la nuova vita.

La dea romana Diana – la controparte di Artemide della mitologia greca – personifica la Luna, rappresentando simbolicamente la fertilità e la natura femminile. È rappresentata con un anello al collo, simbolo di autorità, e una corona di vischio – simbolo femminile celtico dell’immortalità – e una falce, a significare il raccolto.

Notiamo la dualità nell’insieme delle rappresentazioni nell’architettura di Arad dal carattere esoterico. Come l’espressione massonica «Lux in tenebris», anche nel caso dei simboli sopra indicati trionfa la Luce, rispettivamente il Bene, la Vita.

- Pubblicità -
Antoniu Martin
Antoniu Martin
Storico, giornalista e analista politico romeno, dottore in storia contemporanea. Le sue aree di interesse sono il totalitarismo e la democrazia nel XX secolo, la costruzione europea, il multiculturalismo, la geopolitica, la sicurezza e le relazioni internazionali. Ha pubblicato dei libri sulla storia del comunismo romeno e internazionale, nonché sulla storia del fenomeno iniziatico nell'Europa centrale e orientale. Opinionista per varie pubblicazioni di Romania e d’Italia, in cui pubblica articoli nel campo della geopolitica e delle relazioni internazionali. Tra le pubblicazioni italiane nelle quali lui scrive articoli sulla politica estera della Romania, sulla situazione geopolitica della Repubblica di Moldavia e sulla politica della Romania nei Balcani occidentali ricordiamo: Giornale diplomatico, Notizie geopolitiche, Quotidiano sociale, Expartibus, Corriere della Sera, Pensalibero, L’opinione, La voce repubblicana, Notiziario estero, Ifa news. Membro fondatore dell'Associazione di amicizia italo-romena "Pro Benemerenti" di Piacenza. È il presidente del Centro interregionale per il sostegno e la democrazia di Chisinau, Repubblica di Moldavia. Professore associato presso l'Accademia militare “Alexandru cel Bun” di Chisinau, Repubblica di Moldavia, dove insegna dei corsi sulla costruzione europea, sulla storia della “Guerra fredda” e di geopolitica. Come analista politico per la televisione regionale in Romania e in Italia, è un apprezzato commentatore degli eventi internazionali nel nuovo contesto di sicurezza.
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!