7.4 C
Roma
lunedì 28 Novembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneAlbano Laziale, una città per “100 donne”

Albano Laziale, una città per “100 donne”

Il 28 sarà presentato il libro “100 Donne per Tutte”: figure che sono state capaci di distinguersi lottando contro le disparità e la violenza

- Pubblicità -

Cento autobiografie di donne che hanno raggiunto significativi risultati personali e lavorativi. Donne coraggiose, manager, poetesse, musiciste, nonne, mamme, figlie, sorelle e mogli che sono uscite dagli stereotipi di genere raggiungendo l’eccellenza. Figure che sono state capaci, in un mondo di uomini, di distinguersi affrontando una lotta quotidiana contro disparità e violenza. È il libro “100 Donne per Tutte”, che sarà presentato ad Albano Laziale, ai Castelli Romani, giovedì 28 aprile alle 17 nel Complesso Santa Maria delle Grazie, in via Anfiteatro Romano 20.

L’iniziativa rientra tra gli incontri promossi dall’assessorato comunale alle Pari opportunità, per soffermarsi sull’importanza di fare rete per prevenire la violenza e per promuovere una prospettiva culturale che superi gli stereotipi e valorizzi i concetti di rispetto ed uguaglianza. Uscito l’8 marzo scorso, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, il libro è curato da Arianna Pigini, presidente dell’associazione “L’abbraccio del Mediterraneo”, che ha vinto il premio Iconic Women Creating a Better World for All in occasione del Women Economic Forum, tenutosi in Egitto dal 4 al 9 marzo 2020.

Il volume rientra in una serie di attività del progetto “100 Donne per Tutte verso Istanbul, l’importanza di fare rete”, promosso da “L’abbraccio del Mediterraneo”. L’associazione riassume i propri obiettivi in una parola: reciprocità. Parte, infatti, dalla considerazione che l’incontro tra Oriente e Occidente è sempre stato storicamente difficile, ma reso sempre più necessario dalla evoluzione culturale e dalla tensione umana verso una comune Poleis.

- Pubblicità -

L’associazione ha sottoscritto protocolli d’intesa con altre associazioni, per aiutare chi «accoglie e condivide la nostra idea», spiega. Il primo obiettivo che l’associazione si è posta è assistere i cittadini di Lampedusa, impegnati a dare soccorso a «quegli esseri umani spesso considerati i “Dannati della Terra”».

«La ricerca delle 100 donne – spiega l’associazione nell’illustrare il libro – è avvenuta consultando le classifiche delle eccellenze italiane e non solo. Cercando i contatti e chiedendo loro di partecipare al progetto. Alle donne che hanno deciso di partecipare abbiamo chiesto un contributo biografico, una foto e una riflessione sull’essere donna nel terzo millennio. Abbiamo incontrato diverse difficoltà, prime tra tutte spiegare il nostro progetto e far conoscere entità e numeri del problema. Il femminicidio, la violenza domestica sui più deboli e la violenza di natura patriarcale sulle donne ci mostrano tutti i giorni che questi non sono problemi risolti. È sempre più evidente che queste violenze avvengono soprattutto tra persone appartenenti alla sfera familiare».

Il libro “100 Donne per Tutte” è disponibile anche in inglese. Alla presentazione di Albano Laziale interverranno, oltre all’autrice, alcune delle protagoniste del libro: Stefania Mancini, Cofondatrice I-TEL, top 50 Inspiring Women in Tech in Italy, Laura Moschini, Osservatorio interuniversitario studi di genere, Sveva Avveduto, presidente dell’associazione Donne e scienza, ricercatrice emerita del Cnr e membro W20, Ilaria Guccini, Business & Properties Facilitator ECM Consultant National & European Brand Ambassador Founder CEO Hospitality Speaker.

Saranno presenti il sindaco di Albano Laziale, Massimiliano Borelli, le assessore alle Pari opportunità e alla Partecipazione, Enrica Cammarano e Gabriella Sergi, la consigliera regionale e presidente della Commissione Pari opportunità della Regione Lazio, Eleonora Mattia.

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli