22.4 C
Roma
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo

HomeInternazionaleVIDEO / La notte più nera delle Olimpiadi: 50 anni fa la...

VIDEO / La notte più nera delle Olimpiadi: 50 anni fa la strage di Monaco

5 settembre 1972: terroristi palestinesi sequestrano atleti e dirigenti della squadra israeliana ai Giochi. Il giorno dopo, il tragico epilogo

- Pubblicità -

Il 5 settembre di 50 anni fa iniziano le 20 ore più nere della storia delle Olimpiadi durante i Giochi che si stano svolgendo a Monaco di Baviera. Terroristi di Settembre nero, organizzazione estremista palestinese, entrano nel villaggio olimpico e sequestrano atleti e dirigenti della nazionale israeliana e li tengono in ostaggio. L’assalto scuote l’opinione pubblica mondiale, che vede brutalmente violato lo spirito di pace olimpica.

I terroristi ottengono quindi il palcoscenico mondiale che cercavano e presentano le loro richieste: la liberazione di palestinesi prigionieri nelle carceri israeliane e di terroristi tedeschi. Dopo una notte di tensione e terrore, la vicenda si conclude nelle prime ore del giorno successivo. Nel peggiore dei modi.

Nel video che segue, il racconto di quelle ore e il tragico epilogo del 6 settembre 1972 che abbiamo fatto nella puntata di tre anni fa della rubrica “Un giorno in un minuto”.

- Pubblicità -
Massimo Marciano
Massimo Marcianohttp://www.massimomarciano.it
Fondatore e direttore di Metropoli.online. Giornalista professionista, youtuber, presidente e docente dell'Università Popolare dei Castelli Romani (Ente accreditato per la formazione professionale continua dei giornalisti), eletto più volte negli anni per rappresentare i colleghi in sindacato, Ordine e Istituto di previdenza dei giornalisti. Romano di nascita (nel 1963), ciociaro di origine, residente da sempre nei Castelli Romani, appassionato viaggiatore per città, borghi, colline, laghi, monti e mari d'Italia, attento osservatore del mondo (e, quando tempo e soldi lo permettono, anche turista). La passione per la scrittura è nata con i temi in classe al liceo e non riesce a distrarmi da questo mondo neanche una donna, tranne mia figlia.
- Pubblicità -

Primo Piano