11.6 C
Roma
venerdì 19 Aprile 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeAttualitàSpalò il fango dell'alluvione in sedia a rotelle, Mattarella l'ha voluto Cavaliere

Spalò il fango dell’alluvione in sedia a rotelle, Mattarella l’ha voluto Cavaliere

L'Ordine al Merito della Repubblica all'atleta paralimpico Simone Baldini, originario di Fiano Romano, per l'esempio dato in Emilia Romagna

- Pubblicità -

«Per l’immediata disponibilità offerta alle popolazioni alluvionate dell’Emilia Romagna». Con questa motivazione il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, l’onorificenza dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana a Simone Baldini, 42 anni, atleta paralimpico, originario di Fiano Romano ma che da oltre venti anni vive a San Marino, costretto sulla sedia a rotelle da quando è adolescente. Rappresenta il contributo offerto da tanti volontari accorsi da tutta Italia per spalare le strade dal fango nelle città romagnole colpite dall’alluvione.

Le foto di Simone, ex campione paralimpico e oggi Cavaliere della Repubblica, che lo hanno ritratto seduto sulla sua sedia a rotelle mentre spalava il fango nella città di Forlì, lo scorso mese di maggio, a seguito della devastante alluvione che ha colpito l’Emilia-Romagna, sono diventati virali sui social.

Simone Baldini impegnato nella sua opera di soccorso

Quella di Simone Baldini, soprannominato IronBaldo, è una sto­ria di straordina­rio coraggio. Aveva appena 16 anni quando un virus ancora oggi sconosciuto attaccò il suo sistema nervoso al midollo spinale a livello dorsale costringendolo, da un giorno all’altro, su una sedia a rotel­le.

- Pubblicità -

Nel 2009, per puro divertimento, è iniziata la sua grande passione, l’handbike, e grazie al suo impegno nel 2010 è stato chiamato a far parte della nazionale italiana.

«È dura – racconta Baldini sul proprio profilo Facebook –  accettare un cambiamento così grande all’età di 16 anni, complice il fatto che non ho avuto un trauma, non ho fatto un incidente, una cazzata. È stato un virus subdolo che mi ha colpito di notte, durante il sonno. Non me la sono potuta prendere con nessuno se non con il destino. Ma sono cresciuto, sono arrivati dei miglioramenti e ho capito che avevo due scelte: dare il massimo in ogni situazione sfruttando il 110% delle potenzialità rimaste, oppure piangermi addosso, rimanere incazzato col mondo e stare male due volte, la prima fisicamente, la seconda moralmente. Sia chiaro: non ce l’avrei fatta senza il supporto e l’amore dei miei genitori, di mia sorella e delle persone care, senza lo sport e senza la coscienza e l’amore per mio figlio. La vita è una brutta bestia. A volte purtroppo non perdona ed io per fortuna faccio parte di quelle persone a cui è andata bene: sono diventato IronBaldo non solo nello sport, ma anche nello spirito, ho imparato a soffrire, ad avere una pazienza infinita e a lamentarmi meno quando le cose non vanno. L’unico grande, grandissimo rimpianto è non poter fare il Vigile del fuoco, lavoro per il quale credo di avere una vocazione e un amore sconsiderato da sempre».

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Gregorio da Catino” di Poggio Mirteto. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!