7.4 C
Roma
lunedì 28 Novembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

Bella con l’anima

The second life of fashion, evento che ha attirato a Roma l’attenzione sul tema “La necessità di una transizione verso una moda sostenibile”

- Pubblicità -

Belle e sostenibili. È il messaggio che arriva da The second life of fashion, l’evento che ha attirato a Roma l’attenzione del mondo dell’imprenditoria sartoriale sul tema “La necessità di una transizione verso una moda sostenibile”. L’iniziativa ha inteso affrontare il tema con manager e creativi del settore moda, con un focus specifico sulla necessità di una transizione ecologica di brand e aziende artigianali, e si è conclusa con una sfilata.

Programmata originariamente, il 15 scorso, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, si è poi svolta, a causa dell’allestimento della camera ardente per l’ultimo saluto al giornalista Eugenio Scalfari, nella Sala “Pietro da Cortona” dei Musei Capitolini.

La giornata è stata ideata da Arianna Geronzi e Domenico Di Rosa, cofondatori dell’agenzia di comunicazione di moda Fashioning, ed è stata organizzata dall’Assessorato ai grandi eventi, sport, turismo e moda di Roma Capitale.

- Pubblicità -

È stato l’assessore Alessandro Onorato ad aprire i lavori, che hanno visto la partecipazione di numerosi relatori, che hanno affrontato i temi della divulgazione della consapevolezza sulla moda sostenibile e approfondito la necessità di una transizione verso questo modello di moda.

«Occorre comprendere e approfondire come produttori e consumatori – ha detto Domenico Di Rosa – le problematiche attuali della moda in Italia, del suo impatto sull’uomo e sull’ambiente».

Domenico Di Rosa

«L’obiettivo è tracciare un percorso alla moda responsabile e sostenibile, favorendo la trasmissione dei valori etici e di sostenibilità, attraverso una comunicazione di marketing trasparente ed indirizzata ad uno storytelling efficace per raccontare i progressi ed il lavoro di piccole e medie aziende italiane».

Prima della sfilata che ha chiuso l’evento, Arianna Geronzi ha affrontato il tema di come comunicare la moda sostenibile: «Non è legata esclusivamente alle certificazioni, come molti credono, anzi è strettamente connessa alla consapevolezza e alla responsabilità dei singoli, che come consumatori e come produttori, designer e brand che quotidianamente mettono in atto azioni per migliorare e ridurre il proprio impatto sulla società e sull’ambiente».

L’intervento di Arianna Geronzi

«Supportiamo i brand artigianali italiani di alta qualità, che stanno mettendo in atto azioni volte ad una transizione verso una moda sostenibile e hanno redatto un manifesto aziendale sulla sostenibilità, provando concretamente a ridurre il proprio impatto sull’ambiente e sulla società».

- Pubblicità -
Stefania Basile
Stefania Basile
Sono nata nel 1977 all'estremità meridionale della Calabria tirrenica, nella città di Palmi, che si affaccia sullo stretto di Messina e sulle splendide isole Eolie. Amo le mie origini e Roma, la città dove vivo per motivi professionali. Come diceva la grande Mia Martini: «il carattere dei calabresi a me piace moltissimo. Possiamo sembrare testardi, un po' duri, troppo decisi. In realtà siamo delle rocce, abbiamo una grande voglia di lavorare e di vivere. Io non sono di origine, io sono proprio calabrese!».
- Pubblicità -AD - Tipografia Giammarioli

Primo Piano

Ultimi Articoli