11.4 C
Roma
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeCronache MetropolitaneFiano Romano, nuova biblioteca “con vista” e aperta alle risorse online

Fiano Romano, nuova biblioteca “con vista” e aperta alle risorse online

Oltre 26mila volumi, una raccolta digitale, un terrazzo con vista mozzafiato per leggere d’estate: è la nuova sede aperta nel Castello Ducale

- Pubblicità -

Inaugurata la nuova sede della biblioteca comunale di Fiano Romano, nell’hinterland della Capitale. Tra le novità più interessanti, una raccolta digitale, che permetterà agli iscritti di accedere gratuitamente a migliaia di risorse in formato e-book, audiolibri, banche dati, libri e manoscritti digitalizzati, spartiti, risorse open e all’edicola. Oltre a tante altre opportunità che la nuova struttura offrirà, come la possibilità di lettura all’aperto d’estate di fronte a un panorama suggestivo.

Il sindaco Santonastaso (al centro) al taglio del nastro

La nuova biblioteca è situata all’interno delle sale del ‘600 del Castello Ducale, in piazza Giacomo Matteotti 21/A. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco, Davide Santonastaso, amministratori locali ed un folto numero di grandi e piccoli cittadini.

Gli ampi locali si dislocano all’interno dell’antico maniero su una superficie di 300 metri quadrati, dove gli utenti potranno consultare gli oltre 26mila volumi presenti ed usufruire di spazi polifunzionali. Una bella novità per i fruitori del servizio è rappresentata dalla possibilità, nel periodo primavera/estate, di consultare i libri anche all’aperto, sul terrazzo del castello, dove è possibile ammirare un panorama mozzafiato.

- Pubblicità -

Molti i servizi offerti, come il prestito dei libri, gruppo di lettura, postazioni pc, letture animate per bambini e, come detto, la biblioteca digitale, detta Mlol, acronimo del termine inglese Media Library On Line. I nuovi spazi messi a disposizione della cittadinanza confermano l’attenzione da sempre espressa dalle varie amministrazioni nei confronti della cultura.

L’obiettivo del Comune è quello di far divenire la biblioteca un punto di riferimento per le scuole e per le famiglie che vogliano avvicinare i propri figli alla lettura, ma anche un luogo adatto per incontri e letture animate. Avere delle strutture di questo tipo, così moderne, funzionali, attraenti, anche in territori lontani dalle grandi città, è molto importante. Rappresenta soprattutto un investimento a favore dei giovani e quindi del futuro di tutti.

«La nuova biblioteca – ha detto il sindaco Davide Santonastaso – sarà intitolata ad una persona che ha fatto molto per i ragazzi di Fiano. Ha lavorato nel nostro Comune per tantissimi anni come psicologa, diventando un’amica e un punto di riferimento per tutti coloro che hanno avuto la possibilità di collaborare con lei. Purtroppo, è venuta a mancare troppo presto a causa di una malattia, ma vogliamo che il suo ricordo resti per sempre con noi. Questa persona è Lina Longobardi».

- Pubblicità -
Claudia Cavallini
Claudia Cavallini
Nata nel 2006 a Roma, vive felicemente nella sua amata cittadina in provincia di Roma: Fiano Romano. Frequenta il liceo scientifico “Margherita Hack” di Morlupo. Ha conseguito la licenza nella scuola secondaria di primo grado all’Istituto comprensivo Fiano, con votazione 10 e lode. Ha ottenuto la certificazione B1 preliminary della lingua inglese. Nel 2016 ha vinto il concorso letterario per piccoli scrittori indetto dal Comune di Fiano Romano. Collabora con la rivista “La Gazzetta del Tevere”. Dedica molte ore allo sport e segue il calcio. La sua grande passione è la danza: è iscritta a corsi di danza classica, contemporanea e hip hop. Partecipa a laboratori di teatro-recitazione e prende parte con entusiasmo agli spettacoli che vengono messi in scena. Fin da piccola ha manifestato una particolare predilezione per la lettura e la scrittura. Ha prestato sempre una speciale attenzione agli eventi che accadono in tutto il mondo e principalmente nel territorio in cui abita. Il motto che guida la sua vita è un aforisma di Friedrich von Schiller: «Chi non osa nulla, non speri nulla».
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli