30.4 C
Roma
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo

HomeAttualitàAnci: «Bandiere di tutti i Comuni a mezz'asta per i tre uccisi...

Anci: «Bandiere di tutti i Comuni a mezz’asta per i tre uccisi in Congo»

- Pubblicità -

Bandiere a mezz’asta oggi in tutti i Comuni d’Italia per onorare la memoria dei tre uccisi ieri in Congo in un agguato da parte di un gruppo di guerriglieri. Lo propone il presidente dell’Anci, l’Associazione Comuni italiani, Antonio Decaro, sindaco di Bari. Un invito al quale si associa il presidente regionale del Lazio dell’Associazione, Riccardo Varone, sindaco di Monterotondo (RM). I rappresentanti degli Enti locali si uniscono così alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha disposto che ieri e oggi la bandiera italiana e la bandiera europea sugli edifici pubblici degli Organi costituzionali e dei Ministeri vengano esposte a mezz’asta in segno di lutto.

«La brutale esecuzione – ha detto Decaro – dell’ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo, Luca Attanasio, di Vittorio Iacovacci, il carabiniere della sua scorta, e di Mustapha Milambo, l’autista che li accompagnava, ha lasciato sgomenti tutti gli italiani. Ed è a nome di tutti gli italiani, per onorare la memoria di questi uomini e il lutto che ha colpito le loro famiglie, che chiedo a tutti i sindaci italiani di esporre la bandiera a mezz’asta, domani. Sull’esempio di quanto deciso dal sindaco di Limbiate, il Comune in cui Attanasio viveva, e associandoci all’intenzione di tutti i rappresentanti delle istituzioni nazionali, manifestiamo insieme, come un’unica comunità, la nostra partecipazione alle famiglie che hanno perso i loro cari e la nostra appartenenza al Paese del quale Attanasio e Iacovacci erano leali servitori».

«Accogliamo l’invito del presidente Decaro – gli ha fatto eco il presidente laziale Varone – e lo giriamo a tutti i Comuni del Lazio. Porre la bandiera a mezz’asta è la testimonianza concreta della vicinanza dei nostri territori alle vittime dell’agguato in Congo. Un invito ancor più sentito nella nostra regione, in quanto una delle tre vittime, Vincenzo Iacovacci, il militare dell’Arma dei Carabinieri, era originario di Sonnino in provincia di Latina».

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Metropoli.Online - Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
- Pubblicità -

Primo Piano