32.1 C
Roma
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img

Giornale di attualità, opinioni e cronache dall'Italia e dal mondo
direttore: Massimo Marciano

HomeOpinioniLa lezione di Indi: mai perdere l'umanità, anche se l'addio ci appare...

La lezione di Indi: mai perdere l’umanità, anche se l’addio ci appare ineluttabile

Le hanno tolto la possibilità di vivere e persino di morire degnamente a casa con l’amore dei suoi genitori. Era «il suo migliore interesse»?

- Pubblicità -

Da giurista e per forma mentis, analizzo il mondo in base ai parametri di legalità e giustizia. Nella vicenda della povera Indi Gregory, a mio parere, difettano entrambi. Hanno condannato a morte una bambina di 10 mesi che, nonostante fosse stata staccata dalle macchine, lottava ancora per la vita.

I medici onesti affermano tutti che è stata una morte dolorosa. Nemmeno quando si abbatte un animale malato o nei Paesi in cui vige la pena di morte è più accettato che il condannato provi dolore. Perché a Indi non è stata riservata nemmeno questa accortezza?

Al suo dolore si unisce lo strazio che, anche se solo minimamente immaginabile è comunque insopportabile, dei genitori che si ritrovano senza la figlia dopo dei rinvii e dei rimbalzi di responsabilità che nulla hanno di “giusto”, di umano e di morale. Non solo le hanno tolto la possibilità di vivere, ma persino quella di morire degnamente nella sua casa, con l’amore dei suoi genitori. Questo, secondo i giudicanti, era «il suo migliore interesse».

- Pubblicità -

A ciò si aggiunga che a prendere questa decisione è stata una corte composta da esseri umani. Cosa accadrà nel futuro davvero prossimo in cui a decidere sarà l’intelligenza artificiale? Quale è il parametro che vogliamo dare per un caso del genere? «Eliminare ogni individuo malato perché è un costo per la società»? Persino per gli scarti di fabbrica esistono altre strade, tipo gli outlet.

Questa morte grava sulle coscienze di tutti noi. È tempo di battersi per un diritto più umano, anche se è già troppo tardi. Quanto a te, piccola anima, trova pace e riposa. E perdonaci per non essere stati all’altezza di tutelare te e la tua vita.

- Pubblicità -
Lorenza Morello
Lorenza Morellohttps://lorenzamorello.it/
Giurista d'impresa e presidente nazionale Apm (Avvocati per la mediazione), si occupa di aziende, internazionalizzazione e ristrutturazione del debito e ritiene da decenni che la sua “missione” sia quella di rendere il diritto più comprensibile a tutti. Aiuta le aziende e le persone a prevenire il conflitto anziché venirne travolte. Laurea in giurisprudenza a Torino, 110 magna cum laude e premio Bruno Caccia, ha studiato a Oxford, Strasburgo, Oldenburg, Atene e Montreal. Autrice di molteplici pubblicazioni (tra le ultime "No taxation without representation") è nota nel mondo radiofonico e televisivo in Italia e all'estero anche grazie al suo ruolo di consulente di “Casa Italia”, su Rai Italia, in cui risponde ai quesiti e ai dubbi degli italiani nel mondo.
- Pubblicità -

Primo Piano

Ultimi Articoli

error: Content is protected !!